Venerdì, 17 Settembre 2021
Politica

Ritorno a scuola, Fratelli d'Italia: "Pochi posti negli asili nido"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RavennaToday

In questi giorni leggiamo sui giornali che l’assessore Bakkali rileva che per 159 bambini da 0 a 3 anni non ci sarà posto nei nidi comunali a Ravenna per l’anno 2021/2022. Evidenziando l’ovvio afferma “dobbiamo programmare nuovi asili, soprattutto in città”. Ma dove e quando? Se consideriamo che i nidi comunali a gestione diretta sono solo 9 su 28 (compresi nidi privati convenzionati e a gestione esterna) con solo 923 posti disponibili a fronte di circa 2900 piccolissimi utenti, ci chiediamo ma quanto investe o investirà il Comune di Ravenna per i nidi? In verità, oltre alla magra figura della bocciatura del progetto di costruzione del nido in via Vicoli, che Arpae ha bloccato sul nascere prima di mettere la prima pietra (sarebbe bastato chiedere il parere prima di spendere dei denari pubblici in progettazione e consulenze), l’ente comunale prevede di intervenire solo per l’ampliamento del nido di Mezzano e la costruzione di quello di Lido Adriano, quest’ultimo con un costo di euro 3 milioni nel 2022 secondo il piano di investimenti (pare con l’accensione di un mutuo).

La verità amara è che l’attuale Giunta ha programmato investimenti “strategici” per tutte le scuole (dal nido alle scuole superiori), per solo € 4.830.000 nel 2021, 17.750.000 per il 2022 e 1.200.000 per il 2023, ovvero circa il 14% delle spese totali! Una miseria per un Comune virtuoso che vanta un fondo cassa di € 42.000.000! Garantirsi un posto al nido per i propri figli, nonostante il calo demografico, sarà una dura lotta nei prossimi anni per le famiglie ravennati, se continuerà a governare l’attuale giunta di sinistra, che promette tanto in campagna elettorale ma che di fatto investe nel settore delle briciole. Ma d’altra parte, forse per errate scelte politiche e amministrative, le entrate dei nidi (tra le rette dei privati, i contributi statali e regionali) è stata nel 2021 pari a circa € 2.500.000 a fronte di spese (personale, utenze ecc ) per oltre € 4.500.000. Più le spese che le imprese come dice un adagio popolare. Ma siete ancora sicuri di voler passare i prossimi 5 anni ancora con una giunta di sinistra che non garantirà un posto al nido per i vostri figli per i prossimi anni?

Alberto Ferrero e Patrizia Zafagnini, Fratelli d’Italia

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ritorno a scuola, Fratelli d'Italia: "Pochi posti negli asili nido"

RavennaToday è in caricamento