Rontini (Pd): "Più materiali edili di recupero nei lavori con appalti pubblici"

A chiederlo, in un'interrogazione, è la consigliera Manuela Rontini (Pd) che ha ricostruito la legislazione nazionale in materia e fatto un quadro molto dettagliato della situazione

Incentivare negli appalti pubblici l'uso di materiale edile di recupero in modo da ridurre l'impatto sull'ambiente. A chiederlo, in un'interrogazione, è la consigliera Manuela Rontini (Pd) che, dopo aver ricostruito la legislazione nazionale in materia e fatto un quadro molto dettagliato della situazione, ricorda come "per evitare l’attuale fase di stallo nella quale i materiali recuperati stazionano in larga parte presso i depositi degli impianti di recupero senza essere riutilizzati, è fondamentale procedere con opere di sensibilizzazione presso le strutture appaltanti della Regione Emilia-Romagna e degli Enti locali affinché nei capitolati pubblici di appalto inerenti lavori edili il valore percentuale minimo di utilizzo di materiale recuperato sia aumentato, anche oltre a quanto previsto dagli attuali Criteri ambientali minimi (CAM) per l'edilizia, sfruttando ad esempio la possibilità che i CAM stessi offrono di definire elevati punteggi premianti in sede di individuazione dei criteri di aggiudicazione".

Stesso ragionamento vale per i lavori stradali che, sottolinea la consigliera "non sono ancora ricompresi in CAM nazionali, e quindi possono beneficiare solo delle previsioni del Piano triennale 2019-2021 per il Green Public Procurement della Regione Emilia-Romagna, sia assolutamente necessario definire linee guida e buone prassi che portino quanto prima al rispetto della previsione del 50% di appalti sostenibili".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da qui l'atto ispettivo per sapere dall'esecutivo regionale "se, anche alla luce degli ottimi propositi evidenziati dal Piano triennale 2019-2021 per il Green Public Procurement della Regione Emilia-Romagna, che in determinati settori mira a raggiungere il 100% di acquisti verdi entro il 2021, intenda verificare la possibilità di incentivare, nei capitolati di appalto pubblici inerenti i lavori edili e stradali, l’utilizzo di una maggiore percentuale di materiale recuperato, anche al fine di ridurre il consumo di materie prime, con conseguente forte diminuzione dell’impatto paesaggistico e sugli ecosistemi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova stretta in vista: a rischio chiusura ristoranti, parrucchieri e palestre

  • Sanità innovativa: in ospedale uno strumento che colpisce le cellule tumorali

  • Il premio 'Cucina dell'anno' a una locanda romagnola: "Siamo orgogliosi"

  • Coronavirus, il nuovo dpcm: piscina e palestre sotto esame. Dalle 21 possibili coprifuoco

  • Si schianta con l'Harley contro il new jersey: motociclista gravissimo

  • Quattro ristoranti ravennati premiati al 'Gran Premio internazionale della ristorazione'

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento