menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Scuole, Ancisi (LpRa): "Quali soluzioni per il rientro in classe di tutti gli alunni a settembre?"

Tramite un'interrogazione al sindaco, Ancisi chiede: "Quali scuole del territorio non riescono a garantire la presenza degli alunni al 100% a causa degli spazi ridotti o dell’utilizzo dei trasporti?"

"Il prolungarsi della sospensione delle attività scolastiche in presenza per parte degli studenti adolescenti e di maggiore età può però produrre in loro ricadute negative derivanti dal continuo isolamento, quali l’aggravarsi delle disuguaglianze e il disagio psichico. I dati del ministero dell’Istruzione dimostrano peraltro che, durante i confinamenti a casa del 2020, mezzo milione di studenti non è stato raggiunto dalla didattica a distanza (DAD) o per difficoltà di connessione digitale o per mancanza di strumenti tecnologici adeguati o per questioni sociali, come nelle famiglie con profonde sofferenze economico-sociali o impossibilitate ad assistere e tutelare i figli a causa degli impegni di lavoro dei genitori". Partendo da questa premessa il capogruppo di Lista per Ravenna Alvaro Ancisi presenta un'interrogazione al sindaco di Ravenna riguardante la riapertura delle scuole sul territorio ravennate.

Con il decreto Riaperture dal 26 aprile e fino alla conclusione dell’anno scolastico sono assicurati in presenza, sull’intero territorio nazionale, i servizi educativi e scolastici fino alla scuola media, mentre "le superiori, adotteranno forme flessibili affinché, nella zona rossa, sia garantita l’attività didattica in presenza ad almeno il 50 per cento e fino a un massimo del 75 per cento degli studenti e nelle zone gialla e arancione ad almeno il 70 per cento e fino al 100% - spiega Ancisi -. In Emilia-Romagna, ora in zona gialla, si è ripartiti col 70%, mantenendo dunque il 30% degli studenti delle scuole superiori a casa".

La Dad - prosegue Ancisi - già imposta troppo a lungo, rischia pertanto, perdurando oltremisura, di inficiare per larga parte della popolazione scolastica l’affermazione dei diritti sanciti dall'articolo 3 della Costituzione. S’impone dunque, almeno in vista della riapertura delle scuole a settembre dopo la pausa estiva, la totale ripresa delle attività didattiche in presenza per tutte le scuole, mettendo in campo allo scopo tutte le risorse economiche ed umane atte a rimuoverne gli ostacoli".

Ancisi quindi chiede al sindaco di sapere "quali soluzioni o interventi si intendono adottare per rendere possibile la ripresa delle attività didattiche al 100% almeno a partire dal mese di settembre - e in particolare - quali scuole del territorio non riescono a garantire la presenza degli alunni al 100% a causa degli spazi ridotti o dell’utilizzo dei trasporti al 50%". 

Oltre a questo il capogruppo di Lista per Ravenna domanda "se sono state individuate aree libere disponibili da occupare con moduli prefabbricati o comunque con strutture rimuovibili, oppure immobili già esistenti, per rendere possibile l’ampliamento degli spazi resosi necessario; se si è valutato di installare nelle aule scolastiche impianti di ventilazione meccanica per favorire un salutare costante ricambio dell’aria in ambienti chiusi; quali interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria siano programmati da parte del Comune e della Provincia sugli edifici destinati a scuole di ogni ordine e grado al fine di rendere possibile la presenza al 100% degli studenti in condizioni di massima sicurezza; quanti mezzi di trasporto sarebbero necessari per garantire tale presenza, e comunque quali siano gli investimenti effettuati o previsti per l’acquisto di nuovi mezzi o per la stipula di convenzioni con ditte private".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sotterrata nel giardino della scuola una "capsula del tempo": verrà aperta nel 2070

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento