rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Politica

Servizi educativi, la proposta di Zanolli (FI): "Serve un progetto di interscambio generazionale"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di RavennaToday

La pandemia ha purtroppo colpito in modo particolare le situazioni di fragilità quali, da un lato, i minori nella loro fase più delicata di educazione e sviluppo (ossia le classi elementari), dall’altro gli anziani, una categoria spesso trascurata ma foriera di grandissime potenzialità, anche educative, nei riguardi dei più piccini. Non appena le misure di contenimento covid renderanno sicuro per tutti stare più vicini, partirà un progetto volto a fornire un servizio di educazione civica nei confronti dei bimbi delle elementari, erogato appunto dagli anziani nella loro veste di nonni.

Il percorso si baserà sull’incontro e scambio di esperienze fra nonni e bimbi in un feedback reciproco di interscambio generazionale, connotato dalla trasmissione del ricordo, mediante l’illustrazione dei mestieri, dei giochi, dei racconti, delle filastrocche, del cibo e dell’abbigliamento di un tempo. Lo scopo è quello di rendere i nonni partecipi e protagonisti della vita sociale della città, dopo gli avvilenti mesi di clausura che hanno segnato l’ultimo periodo. Contestualmente è quello di tenere radicata nei bambini la consapevolezza della storia del territorio e del tempo passato.

Per i nonni sarà dunque un beneficio in quanto è ampiamente assodato che una persona attiva mentalmente incorre meno frequentemente in malattia e decadimento psicofisico. D’altra parte, il tramandare le tradizioni e la cultura di una terra è l’unico modo per rendere i piccoli consapevoli della propria storia e del proprio passato, per guardare con consapevolezza al futuro.  

Eleonora Zanolli

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servizi educativi, la proposta di Zanolli (FI): "Serve un progetto di interscambio generazionale"

RavennaToday è in caricamento