A Ravenna uno striscione di Forza Nuova contro Ong, duro Errani: "Vanno messi fuori legge"

Questo lo striscione appeso alla cancellata della stazione di Ravenna, come denuncia sul suo profilo Facebook, Rinaldo Sidoli, responsabile del centro studi del Movimento animalista

"Colpire una ong per educarne 100". Firmato Forza Nuova. Questo lo striscione appeso alla cancellata della stazione di Ravenna, come denuncia sul suo profilo Facebook, Rinaldo Sidoli, responsabile del centro studi del Movimento animalista. "È un chiaro riferimento alla vicenda Aquarius", aggiunge, sottolineando che "salvare delle vite e' una priorita' ed e' un obbligo sancito dalle convenzioni internazionali". Dall'Italia arriva dunque "l'ennesimo messaggio di disumanita'. Questi rigurgiti di intolleranza sono deplorevoli e vanno condannati senza se e senza ma". La politica, conclude Sidoli, "ha delle chiare responsabilita' sulla dialettica pubblica che sui social network e' mutuata in un odio pesante verso il 'diverso', viziata da un analfabetismo funzionale e da una informazione deviata".

Per il senatore di Liberi e Uguali si tratta di una "squallida incursione". "Non si combatte l'insicurezza instillando il terrore- afferma il senatore di Leu - il clima di odio che alcune forze politiche hanno contribuito a fomentare anche in questi giorni sul tema dei migranti, ha incoraggiato Fn a preparare questa squallida incursione alla stazione di Ravenna". Secondo Errani, "minacciare le ong che ogni giorno si adoperano per salvare vite umane a rischio della propria, e' un'azione che va condannata con fermezza da tutte le forze politiche. E' per adesso un episodio isolato, ma basta osservare l'esplosione di rabbia che si e' scatenata sui social in questi giorni per capire che la situazione puo' facilmente sfuggire di mano". Per questo, sostiene l'ex governatore dell'Emilia-Romagna, "e' necessario riportare la discussione sul tema dei migranti su un piano di razionalita' e intervenire perche' movimenti politici come Fn che si ispirano apertamente al fascismo vengano messi fuori legge". (fonte Dire)

Sulla questione è intervenuta anche la Cgil: "Esprimiamo sdegno e preoccupazione per l'ennesimo grave atto di vigliaccheria alla stazione di Ravenna, dove nella giornata è comparso uno striscione chiaramente riconducibile alla vicenda Aquarius. “Colpire 1 ONG per educarne 100” proclama lo “straccio”, a firma (immancabile da qualche tempo) di Forza Nuova , uno slogan del passato che ci riporta alla memoria gli anni plumbei del terrorismo italiano che videro  il sindacato in prima linea nella difesa dei valori democratici. Oggi come allora saremo in campo con determinazione e coerenza. Il torpore della ragione che sta caratterizzando questi nostri tempi tormentati costringe a spiegare e giustificare persino il gesto piu umano e genuino che possa esistere: salvare vite di donne, uomini e bambini è un dovere morale a cui nessuno può e deve sottrarsi".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico frontale sull'Adriatica, un morto e due feriti gravi

  • Dramma sui binari: perde la vita travolta da un treno

  • Strage familiare a Foggia, il terzo figlio lavora a Ravenna: "Erano sereni"

  • Spaventoso incidente stradale, coinvolte quattro auto: una donna in condizioni gravissime

  • Scoppia l'incendio nell'officina meccanica, mobilitati i vigili del fuoco

  • Rubava nel supermercato dove lavora: dipendente infedele nella rete dei Carabinieri

Torna su
RavennaToday è in caricamento