Strutture per anziani, nuove norme regionali: il plauso del consigliere Mirco Bagnari

Questo il primo giudizio del Consigliere Mirco Bagnari dopo la stretta che la Regione Emilia-Romagna applicherà per evitare il ripetersi di notizie allucinanti come quelle dei giorni scorsi inerenti abusi anche gravissimi a persone anziane non autosufficienti.

"Una pronta risposta da parte della Regione che prova l'impegno messo in campo sull’assistenza socio-sanitaria e socio-assistenziale di persone anziane a tutela della loro dignità". Questo il primo giudizio del Consigliere Mirco Bagnari dopo la stretta che la Regione Emilia-Romagna applicherà per evitare il ripetersi di notizie allucinanti come quelle dei giorni scorsi inerenti abusi anche gravissimi a persone anziane non autosufficienti.

"Oltre all’inasprimento e alla sistematicità dei controlli che verranno posti in essere - sottolinea Bagnari - credo che debba essere sottolineata anche la parte programmatica della comunicazione odierna e che verterà sui requisiti obbligatori ai quali dovranno sottostare tutti i soggetti che vorranno operare nel settore dell’assistenza socio-sanitaria alle persone anziane e che ricomprendono anche un’azione di “vigilanza diffusa” non solo dei partenti degli assistiti, ma anche da parte  di associazioni di volontariato dei vari territori accreditate presso i Comuni e alle Organizzazioni Sindacali".

Nello specifico, i requisiti che diventano obbligatori verteranno su cinque macrocategorie così riassumibili: verifiche prima dell’apertura: comunicazione preventiva e disponibilità al controllo della struttura prima della sua apertura; spazi adeguati oltre che, naturalmente, a norma; personale qualificato: disporre di personale adeguatamente formato; organizzazione strutturata di attività di animazione, motorie, gite e uscite, con la presenza di un ‘diario di bordo’ dove vengano annotati ogni giorno le attività e gli eventi accaduti; e requisiti di moralità

"Ottima infine - conclude il consigliere Pd ravennate -  la richiesta al Governo affinchè venga cambiata in maniera tempestiva l’attuale norma nazionale, con la promessa che, in caso di perdurante silenzio, si procederà con una specifica Legge regionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fai l'abbonamento e mangi quante volte vuoi: apre a Ravenna un 'ristorante popolare', e cerca personale

  • La Finanza scopre un giro di fatture false per quasi un milione: maxi sequestro

  • Black Friday, gli sconti da non perdere in negozio e online

  • Maltempo senza tregua, fiumi e canali osservati speciali. E sul litorale una domenica critica

  • Qualità della vita, criminalità altissima a Ravenna: peggio di lei solo Milano, Rimini e Trieste

  • Il furgone esce di strada e si cappotta contro un cartellone pubblicitario: paura per due persone

Torna su
RavennaToday è in caricamento