menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tagli in ospedale, Gruppo Misto: "Monitorare le strutture private convenzionate"

Panizza e Maiolini: "Diversi reparti dell'ospedale di Ravenna hanno subito una sensibile riduzione dell'attività, cosi come potrebbe essersi verificato negli altri ospedali"

La Regione Emilia-Romagna a decorrere dal 1 gennaio 2014 ha istituito l'Area Vasta Romagna che accorpa il servizio sanitario delle tre province (Ravenna, Forli-Cesena, Rimini). ''L'obiettivo alla base dell'istituzione dell'Azienda USL della Romagna non è fondato sul risparmio di risorse, bensì sulla loro massima valorizzazione, con la finalità di conseguirne da un lato un uso razionale – in un'ottica di ottimizzazione e snellimento dei processi amministrativi e dall'altro di continuare ad erogare elevati livelli di assistenza, attraverso un progetto di innovazione, sviluppo e crescita', si legge nel sito.

"Diversi reparti dell'ospedale di Ravenna hanno subito una sensibile riduzione dell'attività, cosi come potrebbe essersi verificato negli altri ospedali - spiegano i consiglieri del Gruppo Misto Emanuele Panizza e Marco Maiolini - questo a discapito della qualità del servizio offerto. Per l'erogazione di servizi ci si avvale anche di strutture private convenzionate: riteniamo quindi sia doveroso monitorare sia l'attività dei vari reparti dei quattro principali ospedali (Ravenna, Forlì, Cesena, Rimini) che quella delle varie cliniche private convenzionate con Area Vasta Romagna". I due consiglieri d'opposizione chiedono al sindaco "che si faccia trasmettere dall'Area Vasta Romagna i dati dell'attività reparto per reparto dal 2014 al 2018 dei quattro principali ospedali, oltre che di tutte le prestazioni demandate a ogni clinica privata, e l'importo complessivo che tali cliniche hanno fatturato per tali prestazioni".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento