rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Politica

"Sulle tracce dei rifiuti Tg": ecco l’unico telegiornale che racconta dove va a finire la raccolta differenziata

Il progetto nato all’interno di HeraLab (lo strumento di dialogo e partecipazione promosso da Hera che coinvolge vari portatori di interesse del territorio ravennate), è stato sviluppato e portato avanti dagli studenti del Liceo Classico “Alighieri” di Ravenna

Dove vanno a finire i rifiuti differenziati? A questa ma anche a tante altre domande e curiosità relative alla raccolta differenziata vuole dare risposta il video “Sulle tracce dei rifiuti Tg”, realizzato dagli studenti del Liceo Classico “Alighieri” di Ravenna. Il Tg è stato presentato giovedì mattina all’interno dell’istituto scolastico, alla presenza di Patrizia Ravagli, preside del Liceo Classico “Alighieri”, Guido Guerrieri, assessore all’Ambiente del Comune di Ravenna, Cecilia Natali, Area Manager Ravenna Hera, Alessandra Bagnara, componente di HeraLab Ravenna e tutor del progetto “Sulle Tracce dei Rifiuti TG” e degli studenti protagonisti. 

Il progetto nato all’interno di HeraLab (lo strumento di dialogo e partecipazione promosso da Hera che coinvolge vari portatori di interesse del territorio ravennate), è stato sviluppato e portato avanti dagli studenti del Liceo Classico “Alighieri” di Ravenna. 14 studenti a coppie, affiancati da un tecnico dei servizi ambientali di Hera, hanno seguito e filmato per alcune ore una filiera di raccolta differenziata, dal ritiro del rifiuto alla sua destinazione all’impianto di riciclaggio. Il nome del progetto trae spunto dal report “Sulle tracce dei rifiuti”, attraverso il quale Hera illustra ogni anno i dati sull’effettivo avvio a recupero dei rifiuti raccolti in modo differenziato, e dall’esperienza “Vigile per un giorno”, ideata dal comando di Polizia Municipale di Ravenna, sempre in collaborazione con le scuole.

Gli studenti diventano giornalisti e reporter
Per testimoniare le fasi dei diversi percorsi e in generale la filiera della raccolta differenziata, gli studenti hanno realizzato vari filmati. In seguito, presso uno studio di posa, su un set creato con materiali di scarto (pareti realizzate con contenitori in cartone per uova, videowall fatto di scatole per pizza e la scrivania composta di assi di legno e bidoni), sono state effettuate le riprese del TG.  Protagonisti, nella parte di conduttori, alcuni studenti mandano in onda i video girati e, tra un servizio e l’altro, annunciano i risultati del recupero dei materiali della raccolta differenziata del Gruppo Hera nel 2014. Il video è attualmente consultabile sul sito Hera (www.gruppohera.it/gruppo/responsabilita_sociale/). Si prevede di presentarlo e utilizzarlo in incontri con altri studenti, sedute dei Consigli Comunali, assemblee informative con i cittadini. 

Le tracce dei rifiuti seguite dagli studenti
Gli studenti hanno seguito da vicino la raccolta di: vetro/lattine; carta/cartone; imballaggi in plastica; frazione organica; frazione vegetale e rifiuti da apparecchiature elettriche (Raee). I liceali hanno avuto modo di vedere come si svolge la raccolta porta a porta o il ritiro a domicilio dei Raee di grandi dimensioni. Sono state inoltre organizzate la visita presso una stazione ecologica e un percorso dedicato al cosiddetto “decoro urbano” al quale ha partecipato anche Claudio Mattarozzi, Presidente di Legambiente Ravenna. Per verificare la destinazione finale dei rifiuti, ogni percorso è terminato presso l’impianto di smaltimento. Infatti gli studenti hanno visitato alcuni degli impianti presenti in Regione che completano il lavoro delle filiere di raccolta differenziata e che producono nuova materia con quella recuperata dalla raccolta differenziata: cartiere, aziende che lavorano il vetro, impianti compostaggio.

HeraLab: il Local Advisory Board di Ravenna
L’attività di HeraLab è partita nel 2013 e Ravenna è stata la prima sede nella quale il Gruppo Hera ha sperimentato questo innovativo strumento di coinvolgimento del territorio. Sono seguiti altri incontri, nel corso dei quali i dodici componenti del Lab, rappresentanti di diverse categorie di portatori d’interesse locali, hanno costruito proposte di interventi di coinvolgimento degli stakeholder e di iniziative, da realizzare anche in collaborazione con altri soggetti, per promuovere e migliorare la sostenibilità dei servizi forniti da Hera. Attualmente gli HeraLab sono attivi anche a Imola-Faenza, Rimini, Ferrara e Bologna. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sulle tracce dei rifiuti Tg": ecco l’unico telegiornale che racconta dove va a finire la raccolta differenziata

RavennaToday è in caricamento