Lunedì, 14 Giugno 2021
Politica

Transizione ecologica, Margotti (Pd): "Industria ravennate giocherà un ruolo fondamentale"

All'incontro con il ministro Cingolani ha partecipato anche il consigliere regionale Dem Gianni Bessi: "Con la tecnologia attuale non si possono fare voli pindarici"

Si è svolto lunedì un incontro del ministro della Transizione Ecologica, Roberto Cingolani, dal titolo “La transizione ecologica tra desideri e realtà”. Il consigliere regionale del Pd Gianni Bessi ha posto al ministro una domanda su quali opzioni energetiche si possono mettere in campo nel breve periodo a livello italiano ed europeo. In particolare l’intervento del consigliere si incentrava sui settori industriali cosiddetti “hard to abate” che coinvolgono circa 800mila lavoratori solo nel nostro Paese, in particolare sull’industria e dei trasporti pesanti, dove ancora le soluzioni ‘solo rinnovabili’ sono ben lungi dal soddisfare il fabbisogno energetico.

“La mia volontà – ha detto Bessi – è quella di avere un approccio razionale e industriale e di non abbandonare nessuna strada tecnologica per raggiungere l'obiettivo della transizione ecologica ed energetica per abbattere la CO2 compreso il ruolo del gas naturale, dell'economia circolare e del contributo energetico dai rifiuti. Ma la poderosa mole di megawatt da installare che richiede l’energia rinnovabile ci porta alla consapevolezza che, con la tecnologia attuale e senza scoperte e innovazioni tecnologiche ancora da raggiungere, non si possono fare voli pindarici. Perciò mi trova d’accordo la risposta del ministro che coniuga pragmatismo con innovazione e ha invitato a non sostenere inflessibili ideologie e rigidi veti.”

Sul tema è intervenuto anche il consigliere comunale Pd di Ravenna Lorenzo Margotti che ha affermato: “Il Ministro Cingolani ha delineato una strategia in materia di transizione ecologica sulla quale, con coraggio, l’industria ravennate può giocare un ruolo fondamentale a livello nazionale, tenendo insieme il fattore umano e quello ambientale. La sfida della transizione però si gioca su più decenni ed è enorme, basta citare un dato: dai piani dobbiamo raggiungere il 70% di energia elettrica da sorgenti rinnovabili entro il 2030. Equivalgono a 70 gigawatt di impianti rinnovabili da installare a terra entro il 2030. Ogni anno in Italia installiamo mediamente 0,8 gigawatt. Quindi bisogna passare da 0,8 a 8 gigawatt annui a partire dal 2021. Questo dato ci fotografa la portata gigantesca della transizione ecologica, una grande sfida da affrontare con razionalità.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Transizione ecologica, Margotti (Pd): "Industria ravennate giocherà un ruolo fondamentale"

RavennaToday è in caricamento