menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Troppi accessi al pronto soccorso: "Gli appelli non bastano: servono soluzioni"

"E' indispensabile affrontare i nodi che stanno alla base di questa situazione che recentemente dirigenti dell’Ausl hanno dichiarato essere una situazione quasi unica a livello nazionale"

In merito al recente appello della Ausl Romagna ai cittadini di Ravenna perché limitino gli accessi al pronto soccorso solo ai casi veramente urgenti e gravi, Articolo Uno e Sinistra per Ravenna condividono l’appello all’utilizzo razionale e appropriato della struttura ospedaliera del Pronto Soccorso. "Siamo convinti che occorra anche una sensibilizzazione delle persone. Riteniamo però che sia indispensabile affrontare i nodi che stanno alla base di questa situazione che recentemente dirigenti dell’Ausl hanno dichiarato essere una situazione quasi unica a livello nazionale. Ma se questa è la situazione, bisogna capire e rimuovere le cause che la determinano ed è per questo che è indispensabile che l’Ausl indichi i percorsi alternativi al pronto soccorso per le varie situazioni e varie patologie che oggi portano i cittadini ad andare invece in ospedale. Occorre potenziare e indicare con chiarezza i referenti, i numeri di telefono, gli orari dei servizi, le località all’interno del territorio dove rivolgersi: senza questo gli appelli rischiano di essere retorici e diventare pura testimonianza di una difficoltà vera e quindi inefficace. E con urgenza, in modo straordinario, adeguare il personale del pronto soccorso per migliorare da subito la situazione sia per i cittadini che per gli operatori. L’esperienza fatta col covid ha dimostrato alcune cose e tutti devono essere conseguenti nelle scelte successive: è fondamentale il rapporto tra il territorio e l’ospedale e senza un’adeguata rete di servizi territoriali la sanità pubblica non regge. Diciamo questo a maggior ragione per la situazione che si presenterà nel prossimo autunno (possibile recrudescenza del covid, influenza stagionale) che richiede scelte organizzative anche nuove, adeguate ed efficaci. La riapertura delle scuola non può trovarci impreparati, non sarebbe giustificabile: deve trovare una nuova organizzazione adeguata ad affrontare e gestire la situazione che prevedibilmente si creerà per evitare di chiudere le scuole al primo tampone positivo. Pensare che la situazjone del pronto soccorso dipenda solo dal fatto che i ravennati non sono sensibilizzati e attenti, è un errore".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Occhi al cielo per ammirare la Superluna "rosa" di aprile

Cronaca

A Lido di Dante spuntano i nuovi "murales" dedicati al Sommo Poeta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento