Valle della Canna, Fratelli d'Italia: "Ipocrisia di chi amministra"

Sulla questione del disastro alla Valle della Canna è intervenuto anche Alberto FErrero, portavoce provinciale a Ravenna di Fratelli d'Italia.

"Venerdì 27 settembre il Sindaco di Ravenna era in prima fila alla manifestazione promossa da Greta Thunberg a favore del clima e lo stesso può dirsi delle forze di maggioranza che, sia a livello locale che nazionale, hanno appoggiato le istanze della giovane Svedese. Contrariamente a molti altri non critico Greta, infatti, è sempre giusto sensibilizzare l’opinione pubblica su un problema reale quale è l’inquinamento. Quello che invece critico è l’ipocrisia, anche sui temi ambientali, di chi ci amministra".

Sulla questione del disastro alla Valle della Canna è intervenuto anche Alberto FErrero, portavoce provinciale a Ravenna di Fratelli d'Italia.

"È facile, infatti, manifestare e sostenere determinate istanze quando queste riguardano temi importanti, ma spesso generici; al contrario non è altrettanto facile affrontare e risolvere problemi concreti. Mi sto riferendo alla scellerata gestione che l’Amministrazione, ormai da anni, sta tenendo della Valle della Canna, zona umida di rara bellezza e rifugio di animali acquatici. Purtroppo tutti gli anni ci sono episodi in cui la mala gestione si appalesa sempre di più. Qualche anno fa ci fu, in piena estate, la moria dei pesci, poiché qualcuno si era dimenticato di rifornire la valle di acqua. Adesso, sempre per un motivo simile, la moria è degli uccelli di valle che a migliaia stanno morendo e, nella migliore delle ipotesi, solo uno su dieci farà ritorno nella valle". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


"Per di più, all’origine di questa moria ci sarebbe il botulino aviare, sviluppatosi nell’acqua stagnante, che, se è innocuo per l’uomo, non lo è per altri uccelli che potrebbero così infettarsi ed aumentare ulteriormente l’epidemia. Tutto ciò in passato non avveniva, ma la gestione della valle era in capo ai cacciatori che ne curavano la manutenzione, ma anche qui, forse, l’ipocrisia ha prevalso e gli effetti sono sotto gli occhi di tutti" ha concluso Ferrero

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico schianto tra tre auto all'incrocio: muore un automobilista

  • Schianto all'incrocio tra un'auto e un bus con a bordo i passeggeri

  • Colpiti da un'auto mentre vanno in bici: due ciclisti in ospedale

  • La dura scelta controcorrente del barista: "Il bar è la mia vita, ma riaprire vorrebbe dire fallire"

  • Scontro tra due ciclisti nel sottopasso: uno è in condizioni gravissime

  • Aggressione a colpi di coltello in pieno centro città: uomo in ospedale

Torna su
RavennaToday è in caricamento