Politica

"Via Maccalone è tutta una frana: adeguarla urgentemente al transito dei mezzi pesanti"

E' la richiesta di Nicola Carnicella, cconsigliere territoriale di Lista per Ravenna e vicepresidente del Consiglio di Piangipan

"Adeguare urgentemente via Maccalone al transito dei mezzi pesanti". E' la richiesta di Nicola Carnicella, cconsigliere territoriale di Lista per Ravenna e vicepresidente del Consiglio di Piangipane. "Via Maccalone rappresenta, dopo la strada che dà il nome a Piangipane, l’arteria più importante di questo paese, i cui 2,3 chilometri racchiudono in sostanza l’intero abitato del lato nord - esordisce -. Vi sono situati impianti fondamentali per la cittadinanza, come il circolo tennis, il campo da calcio e la bocciofila, importante dunque come collegamento tra il centro del paese e la zona sportiva. Costeggiando l’area artigianale/industriale della frazione, è straziata dal traffico pesante, il cui passaggio è invece interdetto sulla centralissima via Piangipane".

Prosegue Carnicella: "Diversi cittadini del posto hanno contattato Lista Per Ravenna lamentando come il corpo di questa strada presenti già da tempo, per tutta la sua lunghezza, segni evidenti di franamento verso il fossato che la fiancheggia, molto evidenti in prossimità dell’intersezione con via dell’Abbondanza, dove ultimamente sono stati apposti cartelli di pericolo temporaneo con la scritta: “Strada deformata e con pavimentazione irregolare”. Si può dedurlo perché questa strada è la traversa di via Maccalone più utilizzata dagli autotrasportatori, essendo la sola che permette di raggiungere agevolmente l’area artigianale/industriale. La situazione, tale da più di un anno, si sta aggravando rapidamente, col rischio di totale cedimento del fondo stradale al passaggio di un autoarticolato a pieno carico, tale da mettere a repentaglio anche l’incolumità del conducente. Capita non di rado che due mezzi pesanti in marcia nei sensi opposti, dovendosi sistemare più a lato possibile per passare entrambi, gravino col loro forte peso sull’asfalto debole, aumentandone il pericolo di smottamento. Peraltro, essendo l’area artigianale/industriale del paese in lenta ripresa, potrebbe aversi, con l’allentarsi della crisi, una ripresa a pieno carico delle attività, tale da incrementare sensibilmente il numero dei mezzi pesanti in transito. Stessa situazione franosa anche in prossimità dell’incrocio di via Maccalone con via Canala, proveniente da Ravenna e diretta a nord-ovest, insieme alla quale costituisce il grande triangolo, con base su via Piangipane, che racchiude tutto il territorio di questa frazione di più recente urbanizzazione".

Conclude l'esponente della lista civica: "Sulla stretta carreggiata di via Maccalone convivono infaustamente tutti i mezzi di trasporto, dai bestioni alle gambe umane. Non molto tempo fa, un 83enne in bici è stato travolto da un auto. Occorre dunque progettare da subito ed avviare di seguito, prima che succedano guai maggiori, il rafforzamento e l’adeguamento della via Maccalone all’enorme transito veicolare che sopporta, oltre a realizzare la pista ciclabile, ancora sulla carta per chissà quanti anni. Lista per Ravenna intende richiederlo con forza, sollevando il problema nel Consiglio territoriale locale e proponendo al Consiglio comunale l’approvazione di una propria mozione ad hoc".

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Via Maccalone è tutta una frana: adeguarla urgentemente al transito dei mezzi pesanti"

RavennaToday è in caricamento