"Votiamo per il cambiamento": Movimento 5 Stelle, anche Luigi Di Maio a Faenza per sostenere il 'Sì' al referendum

Sono state più di trenta le piazze dell’Emilia-Romagna dove sabato mattina il MoVimento 5 Stelle ha dato vita ai banchetti per sostenere il Sì al referendum costituzionale

Sono state più di trenta le piazze dell’Emilia-Romagna dove sabato mattina il MoVimento 5 Stelle ha dato vita ai banchetti per sostenere il Sì al referendum costituzionale sul taglio del numero dei parlamentari che si svolgerà nelle giornate del 20 e 21 settembre prossimi. Da Fiorenzuola a Faenza (dove al banchetto allestito in piazza della Libertà sono arrivati anche il ministro degli Esteri Luigi Di Maio e la senatrice Paola Taverna) passando per Reggio Emilia, Rimini, Modena e Ravenna, i parlamentari e i portavoce locali M5S hanno partecipato al #VotaSìDay spiegando ai tanti cittadini presenti tutte le ragioni del Sì a una riforma che l’Italia discute da anni ma che solo il MoVimento 5 Stelle ha voluto e portato avanti con grande determinazione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il nostro sarà un Sì per il cambiamento, per ridurre il numero di parlamentari, allineando il loro numero a quello di tutti gli altri paesi europei – ha sottolineato Silvia Piccinini, capogruppo regionale del MoVimento 5 Stelle e che ha partecipato questa mattina al banchetto di Faenza – rendendoli così ancora più responsabili verso cittadini ed il territorio che saranno chiamati a rappresentare. Oltre il 90% del Parlamento ha già votato Sì a questa riduzione, anche chi oggi incredibilmente si oppone a questa riforma. Tra di loro ci sono solo vecchi politicanti che in questi anni però hanno varato leggi che riducevano la rappresentanza dei cittadini, come liste bloccate e altri scempi. È anche per questo che il 20 e il 21 settembre dobbiamo andare tutti alle urne e votare Sì per far iniziare all’Italia una lunga stagione di riforme” conclude Silvia Piccinini.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Disperato dopo la separazione, costretto a svendere su internet anche l'aspirapolvere

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Apre un nuovo supermercato: "Risanata un'area dismessa e investiti 5 milioni di euro"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

  • Coronavirus, due positivi a scuola: quarantena per alunni e docenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento