Calano i bimbi sovrappeso: agricoltori tra gli studenti per educare alla corretta alimentazione

Alle scuole che aderiranno al progetto di Educazione alla Campagna Amica verranno distribuiti una dispensa con approfondimenti e spunti operativi sulla stagionalità delle produzioni agricole, il benessere e l’importanza della ciclicità delle colture

"In Italia quasi un bambino su tre (30,6%) pesa ancora eccessivamente anche se negli ultimi anni si è verificata una riduzione del 13% per effetto dell’impegno sull’educazione alimentare a scuola e in famiglia". E’ quanto afferma la Coldiretti in occasione dell’Obesity day 2017 che si celebra oggi in tutto il mondo. Secondo l’indagine ministeriale “Okkio alla salute”, che stima l’attività fisica dei bambini attraverso l’informazione fornita dai genitori, la percentuale di bambini obesi è scesa dal 12% del 2008/09 al 9,3% del 2016, e quella dei bambini in sovrappeso è passata dal 23,2% del 2008/9 al 21,3% del 2016. I dati provinciali, ancora fermi al 2014 ma a breve si avranno i nuovi risultati biennali, pur essendo migliori di quelli nazionali -  risultano infatti poco meno del 21% dei bambini di otto-nove anni in sovrappeso e una percentuale di obesità vicina all’8% - non possono essere sottovalutati. Nel 2012, infatti, gli obesi erano il 5,9% e quelli in sovrappeso il 22%.

"Ad aggravare il fenomeno, la percezione spesso distorta dei genitori rispetto alle abitudini alimentari e sportive dei figli: il 66% della madri di bambini in eccesso ponderale ritiene che il proprio figlio assuma cibo in quantità scarsa o corretta, mentre tra quelle di bambini classificati come non attivi il 60% ritiene che i propri figli svolgano un livello di attività fisica sufficiente e il 9% elevato - spiega Coldiretti -. Risulta opportuno, dunque, continuare ad investire sull’educazione alimentare a partire dalla scuola dove va privilegiato il consumo di prodotti salutari. Il 20% dei genitori infatti dichiara che i propri figli non consumano quotidianamente frutta e verdura, mentre il 36% consuma quotidianamente bevande zuccherate o gassate. Per assicurare una migliore alimentazione ma anche per educare le nuove generazioni è importante privilegiare nelle mense scolastiche i cibi locali a km 0 che valorizzano le realtà produttive locali e garantiscono genuinità e freschezza".

Coldiretti Ravenna, a tal fine, è impegnata da più di 20 anni nel progetto "Educazione alla Campagna Amica" che coinvolge ogni anno circa 1.500 studenti delle scuole dell’infanzia, elementari e medie della provincia stimolati a partecipare a lezioni tenute da agrichef, agricoltori e tutor dell’orto in programma nelle fattorie didattiche e nei laboratori del gusto organizzati nelle aziende agricole e in classe. Il programma didattico di quest’anno scolastico, in partenza nelle prossime settimane, ha per tema “Un tempo per ogni cosa. I ritmi dell’agricoltura come guida ad una corretta alimentazione e al rispetto dell’ambiente”.

L’obiettivo è avvicinare bambini e ragazzi al mondo agricolo e rurale per favorire la conoscenza della stagionalità dei prodotti, i sani stili di vita alimentari, il consumo consapevole del cibo, il rispetto e la tutela dell’ambiente. L’avvio del progetto di Educazione alla Campagna Amica coincide, quest’anno, con una notizia alquanto positiva per la salute e quindi per il benessere dei nostri figli: l’industria europea dei soft drinks (Unesda) ha infatti dichiarato che non venderà più volontariamente bevande zuccherate nelle scuole secondarie dell'Ue, distributori automatici inclusi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alle scuole che aderiranno al progetto di Educazione alla Campagna Amica verranno distribuiti una dispensa con approfondimenti e spunti operativi sulla stagionalità delle produzioni agricole, il benessere e l’importanza della ciclicità delle colture. Su richiesta degli insegnanti potranno essere organizzati nell’arco dell’anno incontri in classe e visite guidate in aziende agricole, fattorie didattiche e farmer’s market. L’attività formativa si concretizzerà con elaborati (disegni, testi, audiovisivi) con cui le scuole parteciperanno al concorso di Campagna Amica che premerà i migliori lavori, prima a livello provinciale e poi in una finale regionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento