rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Scuola Faenza

Piatti che mantengono caldo il cibo e salsiere-tavolozze: i progetti dei giovani studenti creativi

Quanto è in grado, il design, di migliorare e innovare prodotti e processi produttivi? Questa la domanda di partenza del corso

Si è concluso da poco il nuovo corso “Design for food” realizzato dagli studenti della scuola universitaria Isia Design & Comunicazione di Faenza in collaborazione con Bibendum Group, azienda modenese che attraverso un servizio di catering propone una “food experience”. All’interno del corso di “Metodologia dalla progettazione II” ideato da Mauro Mami, gli studenti hanno sviluppato un progetto da presentare all’esame finale partendo dalle indicazioni fornite e relative all’applicazione, alla pratica del servizio nel settore food. Hanno potuto conoscere da vicino la realtà di Bibendum, le sue modalità di lavoro e necessità: hanno così ideato nuovi prodotti, utili e belli, per la preparazione e la presentazione del cibo.

Quanto è in grado, il design, di migliorare e innovare prodotti e processi produttivi? Questa la domanda di partenza del corso: Sabrina Lazzereschi, socia fondatrice e art director di Bibendum, ha fatto conoscere agli studenti il mondo del catering di alto livello, spiegando loro le caratteristiche di questo tipo di lavoro e focalizzandosi soprattutto sulle necessità. L’obiettivo era quello di creare e progettare oggetti belli, utili per gli avventori e in grado di agevolare il lavoro di chi sta in cucina e serve a tavola: prodotti, insomma, che contribuiscono al miglioramento del rapporto tra il cibo e l’uomo. E’ questa l’essenza del “design for food”, il design di tutti i prodotti utili a tagliare, mescolare, contenere, preservare cucinare e presentare il cibo: forma e packaging sono fondamentali in questo ambito, poiché hanno sia una funzione pratica che comunicativa. Con questo scopo ambizioso i ragazzi si sono messi all’opera e durante l’anno accademico hanno trasformato le ricerche effettuate in cucina, in studio e in laboratorio in prodotti da portare sulla tavola o da utilizzare nei buffet. Piatti che mantengono calde le portate, un carrello dei bolliti smontabile, un piatto da buffet ergonomico che sta nel palmo di una mano, una salsiera concepita come una tavolozza, vassoi e glacette con forme particolari e materiali innovativi, originalissime luci da buffet. E’ solo una piccola parte dei 30 progetti ideati dagli altrettanti studenti del corso.

Studenti_ISIA-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piatti che mantengono caldo il cibo e salsiere-tavolozze: i progetti dei giovani studenti creativi

RavennaToday è in caricamento