social Bagnacavallo

Un anno di stage, poi l'assunzione: da Bagnacavallo Francesca vola in Olanda

Ventiquattro anni, dopo gli studi tra Forlì e Cesena e una breve esperienza a Milano ha scelto di trasferisi ad Amsterdam

Studi tra Forlì e Cesena, a pochi chilometri dalla sua città, e poi cambio di vita con trasferimento all'estero. È stata ospite in Municipio Francesca Neri, giovane bagnacavallese residente ad Amsterdam, accolta dal sindaco Matteo Giacomoni e dall’assessora ai Gemellaggi Caterina Corzani nell'ambito degli incontri del progetto "Bagnacavallo nel mondo". Era inoltre presente Renza Matteucci per l’associazione Amici di Neresheim, che ha ideato questo progetto per mantenere i contatti con le cittadine e i cittadini di Bagnacavallo che vivono all’estero per motivi professionali, di studio o personali.

Francesca, ventiquattro anni, ha raccontato la sua esperienza di vita e di lavoro nella città olandese, dove si è trasferita circa un anno fa per un tirocinio che è poi diventato un lavoro a tempo pieno. La ragazza ha effettuato i suoi studi universitari in lingua inglese: prima la laurea triennale a Forlì in economia aziendale e successivamente la specialistica a Cesena in ingegneria informatica. Dopo un’esperienza a Milano, si è presentata l’occasione di lavorare in Olanda per un’azienda multinazionale che fornisce servizi di trasporto automobilistico e Francesca l’ha accolta con entusiasmo.

"Amsterdam è una città internazionale dove si vive molto bene ed è bello conoscere persone da tutto il mondo – ha spiegato Francesca –. L’Olanda è un paese accogliente, attivo politicamente e con una grande partecipazione popolare alla cosa pubblica, anche attraverso nuovi strumenti digitali. Un altro aspetto interessante è che le biciclette sono davvero le protagoniste e l’uso dell’auto è fortemente disincentivato.
Da un punto di vista lavorativo – ha aggiunto – è un ambiente stimolante, dove viene data molta autonomia anche a giovani come me, ed è ben remunerato. In prospettiva mi piacerebbe vivere quest’esperienza per alcuni anni, poi si vedrà. L’unica nota dolente è il clima: gli inverni sono molto lunghi e piovosi, non è facile abituarsi per noi italiani".

Francesca ha mantenuto un forte legame con Bagnacavallo e anche con l’associazione Amici di Neresheim, con la quale ha collaborato per la realizzazione della mappa interattiva che permette di localizzare i bagnacavallesi residenti nelle varie parti del mondo. "'Bagnacavallo nel mondo' è un progetto bellissimo. Quando ci si trova a doversi preparare per un’esperienza all’estero, sapere di avere dei punti di riferimento che hanno fatto la tua stessa scelta e possono fornirti indicazioni utili è davvero prezioso".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un anno di stage, poi l'assunzione: da Bagnacavallo Francesca vola in Olanda
RavennaToday è in caricamento