Sport Massa Lombarda

A1, il Circolo Tennis Massa Lombarda cede 4-2 al Tc Crema

“E’ chiaro che a caldo c’è un po’ di amaro in bocca per aver visto sfumare in extremis una semifinale che sarebbe stata un’impresa storica per una piccola realtà come la nostra", commenta il presidente Fulvio Campomori

Arriva alla sesta e ultima giornata, quando ormai l’obiettivo della permanenza nella massima serie era stato messo in cassaforte, la prima battuta d’arresto del Circolo Tennis Massa Lombarda in serie A1 maschile. La neopromossa formazione romagnola, dopo quattro successi e un pareggio, sui campi del Circolo Villa Bolis a Barbiano di Cotignola cede per 4-2 al Tennis Club Crema, che così riesce ad agguantare in extremis il primo posto nel girone 4 e l’accesso alle semifinali play-off, chiudendo a 14 punti, uno in più proprio della formazione massese. La seconda posizione consente di conservare un posto nell’elite del tennis italiano senza passare dai play-out, a cui saranno chiamate invece le terze e quattro classificate. Come già accaduto all’andata, quando il testa a testa si era chiuso in parità (ma Thomas Fabbiano aveva mancato 4 match point), la squadra capitanata da Michele Montalbini ha retto il confronto con l’ambiziosa compagine lombarda, la più accreditata del girone potendo contare su un organico di prim’ordine. Enej Bonin ha aggiunto un’altra perla alla sua collezione di ‘positivi’ regolando con un periodico 6-2 Alessandro Coppini e chiudendo imbattuto il campionato a livello individuale, mentre come già a fine ottobre l’under 18 Samuele Ramazzotti poco poteva contro Riccardo Sinicropi. Decisivi per gli equilibri del confronto erano dunque gli incontri fra i giocatori più quotati: nel match fra numeri uno il kazako Andrey Golubev riusciva a prevalere 6-4 3-6 6-3 su Stefano Napolitano (conduceva 4-2 40-15 nel primo set), imitato da Adrian Ungur, che piegava in rimonta per 6-7(4) 6-2 6-3 Stefano Travaglia (avanti 3-1 40-15 nel set decisivo) consentendo al Tc Crema di portarsi sul 3-1. La coppia Bonin-Travaglia superava Sinicropi-Coppini ma gli esperti Golubev-Ungur firmavano il successo su Napolitano-Ocleppo, risultato che apriva ai lombardi le porte della semifinale.

“E’ chiaro che a caldo c’è un po’ di amaro in bocca per aver visto sfumare in extremis una semifinale che sarebbe stata un’impresa storica per una piccola realtà come la nostra – commenta il presidente Fulvio Campomori – tanto più che i due incontri chiave contro Crema si sono risolti in loro favore al terzo set, dopo che prima Napolitano e poi Travaglia si sono trovati in situazione di punteggio favorevole. Ma questa sconfitta non cambia il bilancio altamente positivo di questa nostra prima avventura in serie A1: abbiamo raggiunto con una giornata d’anticipo l’obiettivo salvezza, dalla porta principale evitando le insidie dei play-out, un risultato davvero significativo per una matricola che per la prima volta in assoluto affrontava il massimo campionato, e dunque va bene così. E’ stato bello vedere tanto pubblico e molti dei nostri sponsor a seguire quest’ultima sfida: come dirigenti ci auguriamo che fra un anno possiamo ritrovarci a seguire la A1 a Massa Lombarda. Mi sento di fare i complimenti a tutti i giocatori e al capitano Michele Montalbini e da parte nostra cominceremo da subito a lavorare per il 2017, cercando di mantenere questo gruppo che in prospettiva futura, specie se cresceranno ancora i giovani, può regalarci davvero altre grandi soddisfazioni”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A1, il Circolo Tennis Massa Lombarda cede 4-2 al Tc Crema

RavennaToday è in caricamento