Martedì, 28 Settembre 2021
Sport Faenza

Al via le Paralimpiadi di Tokyo: tra gli atleti romagnoli anche il faentino Jacopo Cappelli

Martedì alle 13 inizieranno ufficialmente le Paralimpiadi di Tokyo e sono state aggiornate le presenze degli atleti dell'Emilia Romagna in Giappone

Martedì alle 13 inizieranno ufficialmente le Paralimpiadi di Tokyo e sono state aggiornate le presenze degli atleti dell'Emilia Romagna in Giappone. La Delegazione italiana sarà guidata dal capo missione Juri Stara, Segretario generale del Comitato Italiano Paralimpico, e capitanata dai due portabandiera Beatrice Vio (scherma) e Federico Morlacchi (nuoto) con una maggioranza al femminile: ai Giochi, infatti, prenderanno parte 61 atlete e 52 gli atleti. 7

Saranno, invece, quindici gli atleti dell'Emilia Romagna, anche in questo caso con una percentuale femminile più ampia. Si tratta di Roberta Pedrelli, sitting volley, di CesenaM Esteban Gabriel Farias, canoa, Carpeneto Piacentino, Fraz. Ciriano (Piacenza); Federico Mancarella, canoa, Casalecchio di Reno (Bologna); Giulia Ghiretti, nuoto, Parma; Martina Caironi, atletica leggera, Bologna; Emanuele Lambertini, scherma, San Giovanni in Persiceto (Bologna); Eleonora Sarti, tiro con l'arco, Bologna; Ana Maria Viteralu, ciclismo, Castelnovo di Sotto (Reggio Emilia); Jacopo Cappelli, tiro a segno, Faenza (Ravenna); Giovanni Achenza, triathlon, Cattolica (Rimini); Rita Cuccuru, triathlon, Maranello (Modena); Fabio Ormidelli, sitting volley (Parma); Luigi Beggiato, nuoto(Modena); Sara Desini, sitting volley (Modena). Faranno parte della Nazionale azzurra anche due atlete che militano in formazioni della regione: Giada Rossi, tennistavolo, Lo sport è vita (Imola – Bologna) e Francesca Porcellato, handbike, Gruppo ciclistico Apre Olmedo (Reggio Emilia).

La prima gara del faentino è in programma lunedì 30 agosto alle 3.45 ora italiana, quando si cimenterà nella carabina 10 m R1; mercoledì 1 settembre, alle 2.30, sarà la volta della carabina 10 m R3, venerdì 3 settembre, alle 2.30, nella carabina 50 m R7 e infine domenica 5 settembre, alle 2.30, l’atleta faentino parteciperà nella categoria della carabina 50 m R6. Jacopo Cappelli ha seguito le orme della modiglianese Azzurra Ciani, una tra le tiratrici più forti d’Italia nella carabina che ha partecipato a diverse edizioni delle Paralimpiadi, tesserata nell’Asd Tiro a segno di Faenza. L’atleta faentino invece, dopo aver mosso i primi passi nel poligono del Tiro a segno della città, in via San Martino, militando nell’ASD manfreda Sport in H, è transitato in una società sportiva di Forlì per poi approdare al Centro tecnico Paralimpico federale di Bologna sotto la direzione del commissario tecnico Giuseppe Ugherani.

“La partecipazione di Jacopo Cappelli alle Paralimpiadi di Tokyo - dice il sindaco Massimo Isola - in rappresentanza dell’intera Romagna per la sua disciplina ci rende molto orgogliosi. Poter prendere parte a una manifestazione sportiva di carattere mondiale corona gli sforzi di un atleta che da anni è sulla breccia in questa specialità e che si è formato, sul fronte agonistico, nelle strutture della città e della Regione, è segno del grande impegno delle associazioni che operano in questo campo. A lui va, da parte mia, a nome di tutta la comunità, un grosso in bocca al lupo per questo che potrebbe essere un secondo tempo di una estate straordinaria per lo sport italiano”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Al via le Paralimpiadi di Tokyo: tra gli atleti romagnoli anche il faentino Jacopo Cappelli

RavennaToday è in caricamento