rotate-mobile
Sport Alfonsine

Sfida pirotecnica: il Matelica passa contro l'Alfonsine

Rimane comunque onore agli uomini di Candeloro (e a lui stesso) per averci creduto fino alla fine, e averci provato con tutte le proprie forze

Bastano 45 minuti a distruggere le speranze dei biancazzurri. E se nel primo tempo hanno saputo contenere gli avversari, grazie anche ad una superba prestazione di Calderoni, nella seconda frazione (complice anche la stanchezza, e l’uscita di Bamonte) hanno dovuto abbassarsi alla superiorità degli avversari. Un bel sogno che finisce, purtroppo. Rimane comunque onore agli uomini di Candeloro (e a lui stesso) per averci creduto fino alla fine, e averci provato con tutte le proprie forze; al punto che i giocatori biancazzurri vengono applauditi dai propri tifosi al termine del match. Anche solo per quello che hanno saputo regalare nel primo tempo.

La cronaca - Buona affluenza di pubblico per il primo match in Serie D dei biancazzurri, circa 500 persone presenti. Assenti Ricci Maccarini e Monaco, Morelli e Mazzoni in tribuna. In occasione del XXIX Memorial Minguzzi, prima dell’inizio del match vengono donate dai fratelli di Pierpaolo Minguzzi delle targhe ai due capitani. Il Matelica mette subito le cose in chiaro: al 2’ gran tiro di Lunardini indirizzata nel 7, Calderoni ci arriva, e la palla colpisce l’incrocio dei pali ed esce. Sugli sviluppi del calcio d’angolo colpisce di testa Di Maio, ma Calderoni blocca sicuro. Al 6’ gran tiro di Esposito da fuori, Calderoni si distende e respinge. 7’ minuto, Pera dalla trequarti passa a destra per Degano che ci prova, ma ancora una volta Calderoni si salva in angolo. 16’, si cambia scenario, Tosi per Salomone dalla lunetta, ha davanti tre uomini, porta a spasso la difesa anche sul raddoppio, poi su altri due difensori e guadagna infine un angolo. 17’, gran palla per Degano in area, di prima intenzione, ma svirgola la palla, che finisce in mano a Calderoni.

20’, Salomone imbecca perfettamente Lombardi in posizione defilata, entra in area, ma Marcantognini gli chiude lo specchio e la palla finisce fuori. 24’, errore difensivo biancazzurro, Esposito si impossessa del pallone, cerca il palo lontano, e palla fuori di poco. 26’ ancora Salomone show, di tacco per Innocenti, di nuovo per lui, passa a Lombardi sulla sinistra, poi l’azione sfuma. Un minuto dopo ancora Lombardi sulla sinistra, mette in mezzo per Salomone che cerca la porta, che manca il bersaglio non di molto. 33’, Tosi al limite dell’area, a Salomone sulla sinistra, si avvicina e mette in mezzo, e Tosi di prima trafigge Marcantognini da breve distanza. 42’, scatta male la trappola del fuorigioco e Pera ha davanti una prateria, entra in area, Calderoni esce in scivolata e gli porta via palla. 43’, Marcantognini riceve palla da un compagno, sbaglia il passaggio con palla che finisce a Tosi, il quale passa a Salomone che segna a porta praticamente vuota.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfida pirotecnica: il Matelica passa contro l'Alfonsine

RavennaToday è in caricamento