Venerdì, 17 Settembre 2021
Altro

Pallamano, il Romagna annienta la neopromossa Prato

E’ una Pallamano Romagna che scrive la storia, quella che sconfigge 40-14 la neopromossa Prato

E’ una Pallamano Romagna che scrive la storia, quella che sconfigge 40-14 la neopromossa Prato. Gli arancioblu surclassano gli avversari fin dai primi minuti di gioco, impedendogli, poi, di rientrare in qualche modo in partita. Avvio furente della squadra di Domenico Tassinari che “sbrana” gli avversari con un impatto clamoroso sul match. L’esordio nel campionato 2021/2022 è epico: infatti, mai nella storia romagnola son state realizzate 40 reti alla prima della stagione. Il tutto, dopo due campionati “zoppi” per via del covid e con poche amichevoli sulle gambe in pre-season.

A Prato il Romagna scappa già nei primi 10 minuti (7-2) e per i locali la strada si mostra subito in salita. All’intervallo il +12 per Chiarini e soci è già una sentenza. Ma i romagnoli son bravi a mantenere alta l’asticella dell’attenzione e della determinazione, senza regalare nulla agli avversari, sempre più in difficoltà nel punteggio e nella reazione. Fino alla fine, infatti, gli arancioblu spingono sull’acceleratore, sfruttando le ampie rotazioni a disposizione di coach Tassinari che vive nell’abbondanza tra gli esterni, con Mazzanti, Rotaru, Chiarini, Boukhris, Bianconi e F.Tassinari che tentano tanti schemi offensivi, sempre molto efficaci, lasciando le briciole in difesa. Ottimo il ritorno con la casacca “madre” di Dall’Aglio che sposta gli equilibri sia in difesa che in attacco dove il suo lavoro consente ai tiratori di liberarsi al meglio.

Egregio avvio di stagione di Martin Di Domenico che è l’artefice, con le sue folate e con una ritrovata precisione al tiro, del primo, fondamentale, allungo nel primo tempo: dopo 15’, l’ala sinistra è già a quota 5 reti personali nell’8-4 del tabellone. Molto bene anche le altre ali chiamate in causa, con Albertini, Amaroli e Bandini che trovano 10 reti complessive, ottenute a buone scelte di tiro, per lo più in contropiede. Tra i pali, prestazione di alto livello dei due portieri Mandelli e Redaelli che abbassano la saracinesca a lunghi tratti, impedendo ai locali anche solo di sperare in una rimonta. Applausi per la Pallamano Romagna che dovrà pensare all’esordio casalingo al PalaCattani di Faenza, in programma sabato 18 settembre alle ore 18,30.

Pallamano Prato-Pallamano Romagna 14-40 (p.t. 6-18)

Prato: Becherucci, Lenzi, Balò, Chirivì, Colò, Cerali 2, Halim 3, Modolò 2, Nicotra, Nieri, Pukai 1, Serivo 3, Simon 2, Smeraldi 1. All: Moro

Romagna: Redaelli, Mandelli, Albertini 3, Amaroli 2, Bandini 5, Bianconi 3, Boukhris 3, Chiarini 3, Dall’Aglio 3, Di Domenico 7, Gollini 1, Mazzanti 3, Nori, Ramondini 3, Rotaru 1, F.Tassinari 3. All: D.Tassinari

Arbitri: Dana e Coppi

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pallamano, il Romagna annienta la neopromossa Prato

RavennaToday è in caricamento