rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Altro Faenza

Pallamano, il Romagna pronto all'ultima sfida del 2021: l'avversaria è Camerano

Per la Pallamano Romagna c’è da chiudere nel migliore dei modi un 2021 che sta proponendo gli arancioblu in piena lotta per il playoff promozione

Ultimo appuntamento ufficiale del 2021 per la Pallamano Romagna di coach Domenico Tassinari, alla Cavina di Imola: sabato alle ore 18,30, per la 13esima giornata del campionato di A2 gli arancioblu ospiteranno il Camerano.

I marchigiani arrivano da diversi risultati negativi rispetto agli obiettivi iniziali: a ritroso, sconfitta 23-45 contro Cingoli, pareggio 23-23 a Bologna contro gli United, sconfitta 25-32 contro Verdeazzurro, sconfitta 22-32 a Follonica, pareggio 36-36 contro Casalgrande. L’ultimo successo risale al 30 ottobre a Chieti, 29-28 contro i ragazzi del Campus Italia. Ad inizio campionato, invece, Camerano aveva inanellato una buona serie di risultati utili che l’avevano piazzato ai vertici della classifica, ovvero la vittoria 18-16 nel derby con Chiaravalle all’esordio, la difficile vittoria 33-29 a domicilio dell’Ambra, il pareggio con San Lazzaro e la doppia vittoria esterna 28-24 a Pescara (al tempo uno scontro ad alti livelli) e 34-28 a Prato. 

Poi la sconfitta risicata 22-23 in casa contro i Lions Teramo fu il primo campanello d’allarme per l’allora allenatore Fernando Luis Capurro. Campanello che poi si è trasformato in Campana, in ogni senso: a fine novembre, infatti, si è registrata la rescissione consensuale del contratto con il tecnico spagnolo, classe 1963, con il passaggio della guida tecnica al veterano Davide Campana, uomo simbolo della pallamano marchigiana (Cingoli, Ancona e Camerano come esperienze). Con il suo ritorno in panchina i gialloblu hanno incassato un pareggio a Bologna e due pesanti sconfitte, clamorosa quella nel derby con Cingoli con un pesantissimo -22.

L’ossatura della squadra è particolarmente giovane, con la “resistenza” di qualche veterano come l’uomo di punta, il portiere italo uruguagio classe 1981 Mario Andres Sanchez, il pivot Daniel Selmani (1992), Gianmarco Marinelli ed il centrale e capitano Roberto Scandali (1989). Lo staff tecnico punta molto sulla crescita dei giovani, schierando un roster con l’età media molto bassa. Di giovani, infatti, ce ne sono di parecchio promettenti come Mattia Bilò, centrale 2002, Simone Giambartolomei, addirittura 2006, il terzino Alessandro Antonelli (2002) e Vladimir Covali, il terzino moldavo classe 1999. Tra l’altro Giambartolomei è stato eletto miglior terzino destro delle Finali Nazionali Under 17 nella stagione 2020/2021.

Il Romagna arriva a questa gara sulle ali del -1 rispetto al Cingoli, impegnato nell’agevole testa coda casalingo contro Prato. E dopo aver vinto a San Lazzaro un derby tutt’altro che scontato e facile contro la formazione di coach Andrea Fabbri. Per la Pallamano Romagna c’è da chiudere nel migliore dei modi un 2021 che sta proponendo gli arancioblu in piena lotta playoff promozione. La partita contro Camerano sarà anticipata (alle ore 16,00) dal derby in famiglia di serie B tra Imola di coach Simone Ferraresi e Faenza di coach Luca Montanari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pallamano, il Romagna pronto all'ultima sfida del 2021: l'avversaria è Camerano

RavennaToday è in caricamento