Arbitri, l'assistente internazionale Lorenzo Manganelli si è raccontato a Lugo

Manganelli ha consegnato il materiale per arbitrare ai 4 neo arbitri che hanno sostenuto gli esami Simone Adinolfi, Simone Bandli, Stefano Palmisano e Alberto Ancarani

La sezione arbitri di Lugo di Romagna ha avuto l’onore di avere come relatore della Riunione Tecnica di lunedì l’assistente internazionale Lorenzo Manganelli, della Sezione di Valdarno. Dopo la proiezione di alcune “slide” di presentazione con immagini e curriculum predisposte dal presidente Cristian Zanzi, davanti ad una sala gremita di associati, Manganelli ha preso la parola per la conduzione della serata, trattando gli argomenti in modo estremamente vivo e coinvolgente. Con le sue parole è riuscito a toccare nel profondo sia i giovani arbitri che gli associati “datati” smuovendo e motivando ciascuno a dare sempre il meglio di sé sia in campo che fuori con coraggio e passione per raggiungere la “propria serie A”. Manganelli con il suo fare schietto e diretto ha saputo catalizzare l'attenzione di tutti permettendo agli associati di comprendere l'importanza di essere pazienti e perseveranti per ciò che si vuole ottenere senza perdere il “coraggio di mettersi in gioco” lasciando in tutti noi la convinzione di aver avuto l'opportunità di seguire una vera e propria lezione, non solamente tecnica, ma soprattutto di vita.

Numerosi gli aneddoti che ci ha raccontato della sua vita arbitrale, prima da buon arbitro di Serie D, fino alla qualifica di Assistente Internazionale. Momenti toccanti quando ha voluto descrivere il brutto periodo trascorso in ospedale, quasi in fin di vita, dopo il pauroso incidente occorsogli anni fa. Poi la rinascita, la voglia di tornare in campo: "Quello che mi è successo ha spazzato via il bambino di 12 anni, l'inconscio, l'istinto, e tutto ciò che di bello mi ero riuscito a creare. E non mi ha certo salvato la serie A, ma quel ragazzo che durante il recupero e dopo la fisioterapia andavo a vedere in prima categoria, negli allievi. Da un episodio negativo, quando tutto sembra finire, quando viene la voglia di smettere, c'è sempre una positività che si deve prendere. La passione è come il tergicristallo di una macchina, non fa smettere di piovere, ma ti permette di andare avanti". Prima della conclusione, Manganelli ha consegnato il materiale per arbitrare ai 4 neo arbitri che hanno sostenuto gli esami Simone Adinolfi, Simone Bandli, Stefano Palmisano e Alberto Ancarani.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Precipita per oltre cento metri dal sentiero di guerra del Pasubio: muore medico in pensione

  • Violento schianto tra due auto: gravissime madre e figlia

  • Spaventoso incidente stradale, coinvolte quattro auto: una donna in condizioni gravissime

  • Rubava nel supermercato dove lavora: dipendente infedele nella rete dei Carabinieri

  • Schianto in A14 tra una moto e un'auto: in gravi condizioni un ravennate

  • Prima rovina un'auto durante una manovra, poi investe il proprietario e scappa: il pirata è un nonnino di 86 anni

Torna su
RavennaToday è in caricamento