Calcio, tra il San Zaccaria e il Riviera di Romagna nessuna fusione

L’Unione Sportiva Dilettantistica San Zaccaria continua ad avere una propria matricola e una vita a sé stante rispetto a quella di qualsiasi altra società sportiva

Nessuna fusione tra l'Usd San Zaccaria e il Riviera di Romagna. L’Unione Sportiva Dilettantistica San Zaccaria continua ad avere una propria matricola e una vita a sé stante rispetto a quella di qualsiasi altra società sportiva. “Noi siamo sempre il San Zaccaria e basta - commenta il presidente Rinaldo Macori -. Negli ultimi tempi all’interno dei quadri societari è entrato Dario Fantini, ma è sbagliato pensare che questa sia una fusione come invece è stato scritto su molti organi di informazione interpretando male il nostro primo comunicato”.

In realtà il progetto della società del presidente Macori e del direttore sportivo Fausto Lorenzini abbraccia un orizzonte ben più ampio. “È  inutile che ci nascondiamo: siamo l’unica società in Serie A femminile della provincia di Ravenna e più in generale di tutta l’Emilia Romagna. Vogliamo crescere e per farlo non possiamo rimanere chiusi nel nostro piccolo e bell’orticello. Ingrandire i nostri orizzonti è fondamentale e per riuscire a farlo avevamo bisogno di energie e l’ingresso di Dario Fantini tra i quadri dirigenziali va in questa direzione. Lui è un uomo di calcio di grande esperienza e soprattutto è una persona in grado di portare idee e progetti che possono essere sfruttati dalla nostra società in questo percorso di crescita“.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un percorso che ora prende il nome di “Progetto Ravenna Calcio Femminile” con un obiettivo ben preciso. “Vogliamo crescere e lottare con realtà importanti come Verona, Brescia e Fiorentina. Per ritagliarci questo ruolo abbiamo bisogno di lavorare e di farlo tutti insieme – prosegue Macori – e questo è un primo passo per arrivare nel più breve tempo possibile a dare a tutti i ravennati una squadra di calcio femminile in Serie A che possa regalare a tutti loro il sogno di lottare per uno scudetto che la Romagna calcistica non ha mai avuto il piacere di festeggiare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia sui binari: studente minorenne perde la vita

  • Primi due studenti positivi al Coronavirus in due scuole ravennati

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Coronavirus, la nuova fotografia dei contagiati: undici sono in isolamento domiciliare

  • Dramma sui binari: muore investito da un treno

  • Travolto mentre attraversa in pieno centro: portato in ospedale in elicottero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento