Martedì, 19 Ottobre 2021
Sport

Autocross a Ravenna, gare combattutissime: ben 5 nazionalità sul gradino più alto del podio

Per quanto riguarda la giornata sportiva che tiene conto dei risultati di tutte le singole Heat e poi delle semifinali e delle finali, Fabio Bada (Fiat X19) ha vinto la categoria Touring Autocross 1600

Svizzera, Ungheria, Slovacchia, Spagna e Italia. Delle otto nazionalità presenti in gara ben cinque sono salite sul gradino più alto del podio e questo prova la grandissima competività e l'alto livello di tutti i 74 concorrenti che hanno dato vita ad un week end spettacolare sulla nuova pista ravennate, costruita a tempo di record e in grado di ospitare una piccola invasione da tutta Europa per la gara che ha visto la regia della Sadurano Motorsport. Un'invasione pacifica ovviamente, ma ricca di adrenalina e il pubblico, accorso davvero numeroso all'evento, ha dimostrato di gradire e non c'è stato bisogno di incoraggiamenti quando c'è stato da applaudire i vincitori e soprattutto i piloti di casa, da Giovanni Trincossi a Natale Casalboni.

"Sono contento di aver contribuito a riportare l'Autocross a Ravenna - ha confermato Trincossi a fine gara, emozionato e felice per un secondo gradino del podio nella SuperBuggy meritato e soprattutto sudato -. I ravennati si ricordano la vecchia pista del Ponte Rosso che non esiste più da anni e sono accorsi in massa quando hanno sentito parlare di Autocross perchè hanno sempre amato questo sport". Tutte le batterie più le semifinali e le finalissime si sono svolte come da programma e di nuovo sotto un solleone e con un caldo a dir poco opprimente. Ma non per questo i piloti si sono risparmiati e tutti sono tornati a casa soddisfatti e con dei bellissimi premi. Compresi gli studenti del Liceo Artistico 'Nervi Severini' di Ravenna che sono stati premiati sul podio proprio dai vincitori della SuperBuggy ottenendo così il più bel riconoscimento per il loro egregio lavoro e impegno, culminato nella creazione del marchio RIORC della pista.

Per quanto riguarda la giornata sportiva che tiene conto dei risultati di tutte le singole Heat e poi delle semifinali e delle finali, Fabio Bada (Fiat X19) ha vinto la categoria Touring Autocross 1600 precedendo sul traguardo lo svizzero Carlo Suter (Peugeot) e lo slovacco Josef Borik (Seat Ibiza). La Touring Autocross invece ha infiammato i presenti con la grande battaglia di Natale Casalboni che ha dominato la finale ed è stato superato solo sul traguardo dallo slovacco Branislav Adamik su Mitsubishi Evo vincitore della classe davanti allo stesso Casalboni (Mitsubishi Colt) e a Giancarlo Amatori (Fiat Punto) terzo.

Nei Kart Cross dopo una serie di colpi di scena gli spagnoli hanno spopolato con una doppietta che ha visto i due piloti del team Yacar Kart Cross primo e secondo, rispettivamente con Ivan Pina Chinchilla e Javier Ramilo Queijo con il forte Simone Firenze (KC Camotos Yamaha) terzo e primo di una lunga sfilza di piloti italiani. Lorenzo Tagliaferri ha conquistato la Buggy 1600 due ruote motrici mentre nei Buggy 1600 4wd lo svizzero Urs Ziegler ha vinto sul giovanissimo ungherese Karoly Abrham Jr e Mattia Grasselli mentre il moldavo Andrei Maxian dominatore di quasi tutte le batterie precedenti non è andato oltre la sesta posizione dopo una finale davvero sfortunata.

Il 1° Gran Prix Nazoil Ravenna si è chiuso con la finale dei SuperBuggy e Giovanni Trincossi ha dato spettacolo davanti al pubblico di casa in una gara davvero incredibile fatta di sorpassi, testacoda, scivolate ed eccezionali colpi di scena. Che hanno galvanizzato il ravennate probabilmente, finito secondo assoluto dietro l'ungherese Klenancz Szabolcs e davanti all'altro ungherese Istvan Istokovics.

Casalboni Adamik-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autocross a Ravenna, gare combattutissime: ben 5 nazionalità sul gradino più alto del podio

RavennaToday è in caricamento