menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Autocross, sul tracciato Riorc si incoronano i campioni italiani

Weekend di grandi emozioni, quello vissuto a Borgo Faina sul tracciato Riorc in occasione dell’ultimo appuntamento del Campionato Italiano di Autocross

Weekend di grandi emozioni, quello vissuto a Borgo Faina sul tracciato Riorc in occasione dell’ultimo appuntamento del Campionato Italiano di Autocross. Alla vigilia c’erano da assegnare alcuni titoli tricolori e dunque la gara, organizzata da Speedy Racing e Scuderia Livorno Rally, si rivelava particolarmente importante per gli specialisti della guida su terra. Fin dal sabato, dedicato a prove ufficiali e batterie, si riscontrava un interesse da parte del pubblico presente che con passione seguiva le gesta dei piloti impegnati in pista. Ottima premessa per le gare della domenica.

Dunque si iniziava con il Gruppo 1 e 2, le vetture Turismo derivate dalla serie, dove a dispetto di un’ottima prestazione globale ottenuta da Matteo Venturi con una Mitsubishi EVO, leader in campionato ad un passo dal titolo tricolore, portava a casa la vittoria Natale Casalboni su Mitsubishi EVO 9, davanti alla Fiat Punto 2.0 di Giancarlo Amatori. Terzo Silvano Bada con la sua Fiat X1/9 1600cc, che si aggiudicava il titolo del Gruppo 1. A proposito di Venturi, lo stesso incappava in una squalifica, conseguenza di un reclamo presentato da un suo avversario, nonostante il particolare tecnico, oggetto della contestazione, fosse di irrilevante vantaggio agonistico. Gare che iniziavano con un tracciato sicuramente favorevole, ormai tradizionalmente utilizzato nel tricolore Autocross. Lo spettacolo era garantito dalla varietà di vetture e piloti presenti.

Detto del Gruppo 1 e 2, si passava allo spettacolo, appunto, che tradizionalmente è riservato al Gruppo 3, ovvero Kart Cross; mezzi estremamente interessanti e performanti utilizzati da numerosissimi concorrenti. Raggruppamento che vedeva schierati oltre 16 piloti che battagliavano fin dalle qualificazioni per proseguire nelle batterie, utili per accedere alla attesa finalissima, riservata ai primi 10 classificati. Anche in questo caso spettacolo e controsterzi non mancavano e dopo una lunga battaglia, durata l’intero weekend, portava a casa la vittoria Enrico Ruzzante alla guida di una Camotos. Ottima finale che lo ha visto davanti a Gabriel Di Pietro e Omar Modolo. Quarto Simone Firenze, che portava a casa il titolo di campione italiano, giusto riconoscimento per una splendida stagione partita sicuramente con il piede giusto per il pilota del team Planet Kart Cross Italia.

Dal divertimento e lo spettacolo dei Kart Cross, alla categoria superiore dei Buggy 1.6, dove emergeva Giuliano Gizzi con la sua Suzuki 1.300 cc. Gara conquistata per Gizzi, ma titolo tricolore portato a casa da Davide Serra, che completava una stagione sicuramente positiva. Anche in questo caso il pubblico si esaltava particolarmente nel seguire il finale della gara davvero rocambolesco, con una differenza a favore del vincitore sul secondo classificato, Claudio Pigato, di appena 14 millesimi. Infine, gran finale riservato alla Formula 1 dell’Autocross, ovvero i Super Buggy inseriti nel Gruppo 5, che con la loro potenza esaltavano la guida degli specialisti di queste splendide monoposto. Anche qui grande battaglia, fin dalle batterie, che premiava Alessandro Gallotta sulla sua HONDA 2.0. Gara vinta e punti fondamentali per portare a casa un titolo tricolore davvero incerto fino alla vigilia dell’appuntamento ravennate, ma soprattutto un Campionato Italiano Assoluto e di Gruppo 5 che lo incoronava quale dominatore della stagione 2018. Podio completato dall’ottimo secondo posto di Davide Casarin, mentre terzo si classificava Paolo Chiggiato.

Insomma, 1070 m di Riorc che esaltavano i circa 500cv a disposizione di specialisti abituati a domare le monoposto impegnate nell’ultimo appuntamento stagionale. Degna conclusione di un fine settimana che ha subito destato interesse nel pubblico, ma anche fra gli addetti ai lavori. Ottima premessa per un 2019 che sarà indubbiamente di grande interesse. Dunque va in archivio il tricolore 2018 ed in particolare i tre appuntamenti che si sono effettuati sul tracciato Riorc alle porte di Ravenna, grazie a Speedy Racing e Scuderia Livorno Rally. Ottima esperienza utile ad iniziare un importante lavoro che proietterà gli organizzatori verso la nuova stagione 2019.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Fitness

Gli esercizi da fare a casa per rassodare il seno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento