menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Basket, Giovanni Bruni è il nuovo capitano della Rekico

L’esperto playmaker classe 1981 è stato scelto da staff e dirigenza come la persona ideale per ricoprire questo ruolo

Sarà Giovanni Bruni il capitano della Rekico nella stagione 2019/20. L’esperto playmaker classe 1981 è stato insignito di questo importante riconoscimento a inizio settimana, venendo scelto da staff e dirigenza come la persona ideale per ricoprire questo ruolo. Bruni è arrivato a Faenza proprio per essere la chioccia del giovane gruppo di coach Friso, e ora entra nell’elite dei giocatori che hanno vestito i gradi di capitano, succedendo a Mattia Venucci.

“Sono davvero onorato di essere il capitano della Rekico – spiega Bruni – e confesso di essermi emozionato quando la dirigenza me lo ha comunicato. È un ruolo importante che mi responsabilizza ulteriormente e il mio obiettivo sarà di motivare il gruppo ogni giorno per farlo crescere allenamento dopo allenamento. Queste prime settimane di lavoro hanno dimostrato che siamo molto uniti e affiatati dentro e fuori dal campo e che ci sono le basi giuste per disputare una buona stagione. Dovremo essere bravi a restare uniti e mantenere la tranquillità nei momenti difficili, mettendo quell’entusiasmo che si è visto sin dal primo allenamento”.

Bruni debutterà in questa nuova veste nell’amichevole in programma sabato alle 18.30 al PalaCattani contro l’Unieuro Forlì, una delle formazioni più attrezzate della serie A2. “Di sicuro avremo le gambe pesanti per i carichi di lavoro che stiamo sostenendo in questi giorni, ma sarà un ottimo test per iniziare a conoscerci meglio. Dovremo dare buoni segnali allo staff tecnico dimostrando che stiamo lavorando bene e poi sarà la prima uscita davanti ai nostri tifosi e ciò ci rendere ancora più motivati. Il nostro obiettivo dovrà essere quello di mostrare spirito di sacrificio e di aiutarci in campo in ogni situazione, cercando di sopperire con il carattere alla poca brillantezza fisica dovuta alla preparazione atletica”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento