Mercoledì, 19 Maggio 2021
Sport

Basket, l'OraSì soccombe alla Fortitudo in un Pala De Andrè da tutto esaurito

Prima del via applausi scroscianti e commozione nel minuto di silenzio per coach Alberto Bucci, salutato con uno striscione da entrambe le tifoserie

Record dei record di presenze al Pala De Andrè per l’arrivo della capolista Fortitudo, posti aggiuntivi e molti in piedi per almeno 3600 spettatori. Prima del via applausi scroscianti e premiazione per Antimo Martino da parte del suo ex presidente Roberto Vianello, poi commozione nel minuto di silenzio per coach Alberto Bucci, salutato con uno striscione da entrambe le tifoserie.

Poi è stata una battaglia autentica, che la Fortitudo ha vinto solo in volata grazie al capitano Mancinelli ed a Fantinelli, cresciuto alla distanza. Ma l’OraSì deve essere orgogliosa per l’intensità e la lucidità con la quale ha affrontato alla pari la capolista e restando a lungo in vantaggio. E’ la strada giusta, questa, per terminare la stagione regolare nel modo migliore e ottenere l’obiettivo sperato. Partenza sprint dell’Orasì con Gandini e Jurkatamm in quintetto, con le bombe di Marino e due di Jurkatamm, oltre al contropiede di Hairston  Ravenna va 11-2. Reazione ospite con due bombe di Hasbrouck (11-10), sorpasso con tripla di Leunen, replica Montano e a fine quarto la Fortitudo è avanti di quattro. Riparte ancora bene l’OraSì, Hairston due volte da sotto e Montano due volte da tre per il sorpasso (25-23), Mancinelli però è in partita e ribalta (27-28), ma la partita resta bellissima e molto intensa, con l’OraSì che non molla mai, Smith la riporta sotto con due bombe (33-34) poi il sorpasso che consente a Ravenna di andare avanti all’intervallo lungo. Ancora Smith dopo il riposo (42-38), l’Orasì difende benissimo e sotto i tabelloni non regala assolutamente nulla alla capolista. Si va punto a punto, Smith e Hasbrouck danno vita a un duello spettacolare e alla fine del terzo quarto è ancora tutto completamente in gioco. Ultimo quarto ad alta tensione, poi spuntano Mancinelli e Fantinelli e l’ultimo allungo ospite non viene parato da una OraSì comunque esemplare, da applausi.

ORASI-FORTITUDO 70-74

ORASI RAVENNA: Smith 26, Cardillo, Masciadri 9, Hairston 12, Montano 11, Marino 5, Jurkatamm 6, Gandini 1. Ne: Rubbini, Martelli, Baldassi, Tartamella. All. Mazzon.

LAVOROPIU BOLOGNA: Fantinelli 15, Hasbrouck 12, Rosselli 7, Leunen 10, Pini 4, Delfino 4, Mancinelli 19, Benevelli, Venuto 3. Ne: Cinti, Sgorbati. All. Martino.

Parziali: 15-19, 39-38, 53-54.

Arbitri: Pierantozzi, Centonza, Patti.

Note. Spettatori 3600. OraSì: tiri da due 15/34 da tre 10/29, rimbalzi 39. Fortitudo: tiri da due 16/37, da tre 9/31, rimbalzi 4

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Basket, l'OraSì soccombe alla Fortitudo in un Pala De Andrè da tutto esaurito

RavennaToday è in caricamento