rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Sport

Il gaucho conquista Ravenna: un canestro a otto decimi dalla fine decide il derby

L’OraSì vince il derby 73-74 dopo avere condotto per quasi tutto l’incontro ed avere subito il rientro dei padroni di casa, trascinati da un sontuoso Karvel Anderson, negli ultimi due giri di lancette

E’ un canestro dell’ultimo arrivato Juan Marcos Casini a 0.8” dalla fine a decidere un derby intenso e appassionante, che ha tenuto con il fiato sospeso i millecinquecento del PalaRuggi e ha mandato in delirio il centinaio abbondante di supporters giallorossi giunti a Imola. L’OraSì vince il derby 73-74 dopo avere condotto per quasi tutto l’incontro ed avere subito il rientro dei padroni di casa, trascinati da un sontuoso Karvel Anderson, negli ultimi due giri di lancette. Ad attendere i giallorossi c’è ora il turno infrasettimanale di campionato, che porterà al Pala De Andrè il Basket Recanati dell’ex giallorosso Adam Sollazzo: l’appuntamento è per mercoledì alle 20.30 al Pala De Andrè.

L’avvio di gara è marcato Masciadri (9 punti), cui si aggiunge Smith, puntualmente imbeccato da Deloach: i punti dell’americano di OraSì valgono il primo allungo giallorosso, sull’11-18, ricucito da Prato e Sabatini per il 19-20 del 10’. La difesa giallorossa fa il suo, aiutata anche da un Salari meritevole alla prima occasione in maglia OraSì: gira bene anche l’attacco, dove Malaventura segna dieci punti consecutivi in avvio di secondo periodo che scavano il break (22-30) che l’OraSì riesce a mantenere all’intervallo (37-42) e anche nel cuore del terzo quarto. E’ Karvel Anderson a risvegliare l’Andrea Costa al 28’, quasi all’improvviso: l’esterno imolese segna tre triple in due minuti, riportando la sua squadra sul -1 in due occasioni. L’OraSì risponde colpo su colpo mantiene la testa avanti grazie ai canestri dalla distanza di Raschi e Casini, per il 56-60 del 30’.

 Quattro punti di Deloach aprono il quarto periodo (56-64 OraSì), ma Maggioli e Sabatini rispondono per il parziale di 7-0 che riporta l’Andrea Costa sul -1; Ravenna non si sblocca in attacco e Washington può sorpassare (65-64) a 3’46” dalla fine. Deloach e Raschi riportano avanti l’OraSì, ma ancora Anderson dalla distanza pareggia i conti sul 70-70 a 40” dalla fine.  Un libero di Washington spariglia i conti, Smith controsorpassa (71-72) ma lascia 8” ancora da giocare. Prato subisce fallo e realizza entrambi i liberi a 6” dalla fine. Da rimessa, Deloach trova Casini nella metà campo offensiva: il jumper dell’ultimo arrivato trova il fondo della retina, facendo esplodere il settore ospiti del PalaRuggi. Vince OraSì, con merito. 

“Siamo estremamente felici per avere ottenuto una vittoria importante, di squadra - ha dichiarato coach Antimo Martino -. Avevo parlato ai ragazzi in settimana perché, quando le cose vanno bene o vanno male, sono tutte le sue componenti a contribuire per ottenere un risultato. Venivamo da una settimana particolare, nella quale abbiamo dovuto fare a meno di Rivali, che è il leader del nostro gioco, e abbiamo avuto pochi giorni a disposizione per inserire un giocatore nuovo come Marcos Casini. Inoltre, venerdì e sabato abbiamo dovuto fare a meno di Malaventura per un problema al ginocchio e di Masciadri per un dito insaccato, quindi la nostra settimana è stata realmente paradossale. Per questi motivi sono doppiamente felice per un successo ottenuto con la forza del gruppo, nel quale anche gli under Smorto e Salari hanno giocatore un ruolo particolarmente importante. Questo è un successo che fa bene al morale, dopo che a Brescia abbiamo toccato con mano l’impresa, poi sfumata negli ultimi due minuti e dopo che, domenica scorsa contro Verona, abbiamo avuto la chance di riaprire i giochi nel finale pur non avendo giocato una buonissima partita. Abbiamo dimostrato di essere vivi e di avere una grande forza morale, senza la quale oggi non saremmo stati in grado di vincere".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il gaucho conquista Ravenna: un canestro a otto decimi dalla fine decide il derby

RavennaToday è in caricamento