rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Basket

OraSì, che peccato: sconfitta interna contro Verona

Si ferma a quattro la striscia di vittorie consecutive di Ravenna Basket: 57-70 contro la Tezenis

Si ferma a quattro lo splendido filotto di vittorie dell’OraSì, che al Pala De André cede alla Tezenis Verona 57-70. Una gara dai due volti, condotta dagli ospiti per tutta la prima parte di gara prima della rabbiosa rimonta giallorossa che ha portato gli uomini di coach Lotesoriere anche a condurre per buona parte del terzo quarto. In un finale punto a punto, il nuovo allungo decisivo degli scaligeri che portano a casa l’intera posta. 

Ravenna-Verona, la gara

OraSì con il quintetto classico Tilghman, Cinciarini, Arnaldo, Sullivan, Simioni. L’unico canestro dei giallorossi nei primi 5 minuti è di Sullivan e Verona con Penna, Johnson e Pini sale 2-9 per il timeout di coach Lotesoriere.
Entrano a rotazione Cinciarini, Gazzotti, Berdini, Oxilia e Denegri ma la maggior intensità in difesa permette a Verona di chiudere il primo quarto avanti 7-14. 
Il secondo quarto comincia senza l’arbitro Ciaglia, infortunatosi, ancora nel segno degli ospiti con Pini e Johnson. Risponde Denegri con i primi punti di giornata e dopo un periodo centrale senza canestri una bella esecuzione dalla media di Gazzotti vale il 13-20, timeout Ramagli. Ravenna prova a dar seguito al buon momento con il canestro di Sullivan e alcuni buoni recuperi in difesa, ma l’attacco non si sblocca e dall’altra parte la tripla di Rosselli e l’appoggio di Anderson valgono il 15-25.
La partita è accesa e dura, segna ancora Gazzotti poi Verona con Udom chiude l’intervallo lungo sul 17-29.

L’OraSì torna in campo con 4/5 del quintetto di partenza e Gazzotti al posto di Sullivan. Ravenna sporca tutte le conclusioni Scaligere e con un parziale di 11-2 in tre minuti firmato Cinciarini e Tilghman arriva ad un solo possesso di svantaggio (28-31).  Verona torna a +6 ma Ravenna c’è, è viva e lotta su ogni palla e anche il pubblico prova ad essere un fattore (30-34). L’OraSì morde e con Tilghman e Cinciarini (rubata e coast to coast) arriva al 34-36, timeout Ramagli. La partita è cambiata e ora è apertissima, “Cincia” con il suo decimo punto nel quarto spinge Ravenna. La tripla di Oxilia per il sorpasso va sul ferro ma Simioni lotta a rimbalzo, subisce fallo e dalla lunetta sigla il primo vantaggio giallorosso della serata (37-36). Candussi va in doppia cifra e  appoggia il nuovo vantaggio ospite, a cui risponde dall’arco Denegri, che impatta di nuovo poi dalla lunetta. Negli ultimi secondi del quarto Verona torna avanti (41-45).
Sullivan prende un rimbalzo importante e rilancia l’azione giallorossa che frutta un parziale di 7-0 firmato Gazzotti e Denegri, autore di due canestri ad alto coefficiente di difficoltà. Il Pala De Andrè si fa sentire nel timeout veronese, quando mancano ancora 7 minuti e 43”. Penna e Anderson per il mini-parziale scaligero (48-52) che porta alla sospensione il tecnico giallorosso. Sullivan per il -2 ma è Anderson l’uomo del momento (50-54). Ci vuole tutta la classe di Cinciarini per il canestro successivo, condito dal fallo che riporta Ravenna a -1. Il capitano giallorosso incorre poi nel terzo e quarto fallo (tecnico) che ridà ossigeno agli ospiti a 4′ dal termine (53-59). Lotesoriere prova ad affidarsi a Denegri e all’esperienza di Gazzotti ed è ancora Cinciarini ad accorciare le distanze in contropiede. Verona però non molla più un centimetro e con Candussi ed Henderson chiude. Finisce 57-70 (Ravenna Basket).  

Ravenna-Verona, il tabellino

OraSì Ravenna-Tezenis Verona 57-70 (7-14, 17-29, 41-45)

OraSì Ravenna: Denegri 12, Tilghman 9, Cinciarini 15, Simioni 6, Gazzotti 7, Berdini, Sullivan 6, Arnaldo, Oxilia 2, Ciadini NE, Galletti NE, Giovannelli NE. All.: Lotesoriere. Assistenti: Zambelli, Villani.

Tezenis Verona: Candussi 12, Johnson 17, Penna 7, Rosselli 4, Anderson 21, Beghini NE, Nonkovic NE, Udom 2, Adobah NE, Pini 8. All.: Ramagli

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

OraSì, che peccato: sconfitta interna contro Verona

RavennaToday è in caricamento