rotate-mobile
Sport

Volley, prima di ritorno: al Pala De André arrivano i padovani della Kioene

Per spuntarla su Padova i sostenitori giallorossi sperano di vedere la Bunge degli ultimi tre set giocati contro Sora, con un Lyneel a pieno ritmo, un Torres terminale implacabile d’attacco e tanta solidità sia nel pacchetto centrale, sia in seconda linea

Terminato con un successo in rimonta il girone di andata, la Bunge è già pronta a tornare sul campo del Pala De André affrontando nella prima giornata di ritorno i padovani della Kioene (inizio ore 18, arbitri Tanasi di Siracusa e Cipolla di Palermo, match sponsor Crai). Nel debutto di inizio ottobre hanno vinto i veneti in tre set, ma nel corso della stagione i ravennati hanno ridotto quasi del tutto il distacco dalla squadra allenata da Baldovin, avanti in classifica di una sola lunghezza. Nelle ultime due gare disputate in casa Spirito e compagni hanno conquistato altrettante vittorie, battendo 3-0 Milano e 3-2 Sora, e quindi hanno la possibilità di realizzare un tris che potrebbe valere il sorpasso sulla stessa Padova (reduce da tre ko di fila) e l’ulteriore avvicinamento all’ottava posizione occupata al momento da Vibo Valentia.

“Dopo aver raggiunto l’obiettivo della partecipazione in Coppa Italia – dichiara il coach Fabio Soli – inizia la seconda parte del campionato e dobbiamo lasciarci alle spalle qualche recriminazione. Siamo consapevoli che quello fatto finora non è sufficiente per andare ai playoff e bisogna tirare fuori ancora più la determinazione e l’energia per lottare per un ottavo posto che non è distante da noi. C’è grande equilibrio nella parte inferiore della classifica e dobbiamo provarci in tutti i modi”.

Per spuntarla su Padova i sostenitori giallorossi sperano di vedere la Bunge degli ultimi tre set giocati contro Sora, con un Lyneel a pieno ritmo, un Torres terminale implacabile d’attacco e tanta solidità sia nel pacchetto centrale, sia in seconda linea. È probabile quindi che lo schiacciatore francese inizi il match dall’inizio, a fianco di Van Garderen, mentre al centro dovrebbero essere confermati Bossi e Ricci. La regia al solito sarà affidata a Spirito, mentre come libero c’è qualche dubbio sulla presenza di Goi, colpito in settimana da un attacco influenzale.  “Anche se non sta attraversando il suo miglior momento di forma Padova rimane sempre un avversario pericoloso, con buoni attaccanti e capace di colpire con continuità sia in battuta, sia a muro. Noi dovremo affrontarlo con molta pazienza, giocando palla su palla, anche perché mi aspetto pochi regali. Come la Kioene, dovremo trovarci a nostro agio nella battaglia, cercando di essere efficaci quando si presenta l’occasione. Sarà molto importante ricevere bene – termina Soli – e abbiamo le potenzialità per renderci pericolosi al servizio”.

Analizzando il roster della Kioene il palleggiatore è il 22enne americano Shaw, che ha il non facile compito di sostituire Orduna e lo sta facendo alternando buone prestazioni ad altre meno convincenti: negli ultimi tempi non è al meglio della forma fisica e spesso al suo posto è stato schierato il baby Zoppellari. Il resto del sestetto titolare dovrebbe essere composto dall’opposto Giannotti, dalle bande Fedrizzi e Maar (il canadese nel match di andata fu tra i migliori), dai centrali Volpato e Averill e dal libero Balaso. I primi cambi in panchina sono rappresentati dal martello Milan e dal centrale sloveno Koncilja. “Incominciamo il girone di ritorno con un match complicato – spiega il tecnico Valerio Baldovin – come lo sono tutti in questa Superlega. Ravenna ha recuperato Lyneel, giocatore molto importante per questa squadra e che all’andata ci mise in difficoltà. Il nostro obiettivo primario è anzitutto riscattare, sotto il profilo del gioco espresso, la brutta prestazione dell’ultima sfida disputata contro Verona”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volley, prima di ritorno: al Pala De André arrivano i padovani della Kioene

RavennaToday è in caricamento