menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Calcio femminile, il 2020 del Ravenna inizia con un pareggio

Le vacanze non hanno di certo fatto calare l’attenzione. Le ragazze di Piras arrivano a Cittadella con tanta voglia di far bene ma trovano una corazzata pronta a dare battaglia

Un nuovo anno che poteva iniziare meglio ma poteva anche andare peggio. L’aspetto positivo è che le leonesse ottengono un ennesimo risultato utile consecutivo blindando il quinto posto in classifica a pari punti col Permac dietro per differenza reti. Le vacanze non hanno di certo fatto calare l’attenzione. Le ragazze di Piras arrivano a Cittadella con tanta voglia di far bene ma trovano una corazzata pronta a dare battaglia. Primo tempo infatti dominato dalle venete grazie alla loro superiorità fisica e al pressing alto. Le sole occasioni registrate sono delle granata anche se il risultato all’intervallo non è poi tanto bugiardo.

La ripresa inizia con le ravennati che provano ad imporre il loro gioco, il pressing veneto inizia a calare dando spazio al gioco palla a terra tanto professato da Mister Piras e le occasioni cominciano a presentarsi anche se la palla non passerà mai la linea del gol. Due occasioni importanti sono di Miriam Picchi che prima da pochi metri alza troppo la mira e dopo con un bel tiro al volo trova un’ incolpevole Cimatti sulla traiettoria. Ottimi i cambi che hanno portato energia ed entusiasmo. Le occasioni più pericolose sono infatti di Moscia, subentrata a Burbassi e Raggi che entra al posto di Ligi. Gli ultimi 15 minuti saltano tutti gli schemi e le giallorosse tentano l’assalto finale, invano, per portare a casa i 3 punti rischiando un pericoloso contropiede di Pinna causato da un retropassaggio di Greppi. La granata si trova a tu per tu con Copetti che non si fa trovare impreparata e salva un risultato un po’ amaro visti anche quelli delle compagini meglio posizionate in classifica.

"Era troppo importate la gara - afferma il mister -. nel primo tempo abbiamo sofferto il loro pressing, nella ripresa le ragazze son state brave a cercare con più insistenza la circolazione della palla creando più occasioni da goal. Penso che il pareggio sia un risultato giusto, dove, si poteva vincere ma è anche giusto dire che avremo poi potuto perderla” Infine Marta Vergani, tra le migliori delle leonesse: "È stata una partita combattuta, il primo tempo abbiamo sofferto un po' la loro fisicità e la loro pressione, però abbiamo tenuto bene. Nel secondo tempo siamo riuscite a giocare più palla a terra, creando alcune belle occasione da goal che potevamo sfruttare meglio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento