Martedì, 19 Ottobre 2021
Sport Cervia

Dal calcio alla ginnastica: il cervese è "un grande parco dello sport"

l numero dei praticanti iscritti alle associazioni che hanno frequentato gli impianti comunali risultano essere oltre 5.300. Le discipline più seguite sono il calcio, la pallavolo, il basket e la ginnastica artistica e ritmica

L'amministrazione comunale ha fatto un'analisi degli impianti, delle strutture, delle associazioni e dell'attività complessiva legata al mondo dello sport, mettendo in evidenza l'importanza dell’intervento pubblico nella  valorizzazione delle risorse, l’ottimizzare della gestione e l'utilizzo degli impianti sportivi comunali. Le attività che si sviluppano negli impianti sportivi del Comune si svolgono principalmente in tre tipologie di strutture: 6 grandi impianti (Palazzetto dello Sport, Campo di Golf, Circolo Tennis, Piscina, Pista Atletica, Stadio dei Pini); 7 centri sportivi (Centro Sportivo Savio, Centro Sportivo Le Roveri Pisignano /Canuzzo, Centro Sportivo Castiglione, Centro Sportivo Brian Filipi  Pinarella, Centro Sportivo Malva Nord  campo da calcio, Centro Sportivo Malva Nord campi da tennis, Centro Sportivo Le Saline di Montaletto); 9 palestre (Scuola Ressi-Gervasi grande, Scuola Ressi-Gervasi piccola, Palestra Ex Ressi, Scuola Giovanni Pascoli Cervia, Scuola Martiri Fantini Malva nord, Scuola Alberto Manzi Tagliata, Scuola Giuseppe Mazzini Milano Marittima, Palestra Golf e Palestra Pisignano/Canuzzo).

Le associazioni sportive del territorio sono 57 di cui 33 utilizzano i 22 impianti sportivi comunali. Le associazioni iscritte alla consulta sono 34. Alcune negli ultimi anni si sono dotate di moderni strumenti medici di pronto intervento, ad esempio i defibrillatori, garantendo una maggiore prevenzione della salute e un aumento della sicurezza nei luoghi dello sport. L'amministrazione sta valutando le necessarie misure di sicurezza e di prevenzione da predisporre in tutti gli impianti sportivi. Il numero dei praticanti iscritti alle associazioni che hanno frequentato gli impianti comunali risultano essere oltre 5.300. Le discipline più seguite sono il calcio, la pallavolo, il basket e la ginnastica artistica e ritmica. Le donne sono più numerose degli uomini nella pallavolo, nella ginnastica artistica e  ritmica e nel pattinaggio, il tradizionale sport dei maschi si conferma il calcio.  In totale le manifestazioni, le gare, i tornei e le iniziative sportive sono all'anno circa 360.

Nei grandi impianti volti a ospitare importanti manifestazioni sportive, è stato evidenziato che il numero di presenze si attesta a circa 61mila. I frequentatori più numerosi sono quelli della piscina che risultano essere circa 54mila. Praticano sport nelle strutture comunali in media il 22% della popolazione giovanile e il 3% di quella adulta. ll Comune a sostegno dello sport per le discipline praticate negli impianti di proprietà spende in mediamente all'anno 547mila euro che risultano essere circa 19 euro per abitante, 39 euro per nucleo familiare e 102 euro per praticante, a fronte di 3 euro di incassi per abitante 5 per nucleo familiare e 16 per praticante. Attualmente le entrate di tutti gli impianti coprono il 15,3 % delle spese di gestione e non sono conteggiate le spese di investimento .Gli investimenti sono stati realizzati direttamente oppure concedendo contributi straordinari alle associazioni che gestiscono gli impianti e ammontano in media all'anno a 80mila euro.

"Riteniamo che il principale obiettivo dell’amministrazione sia quello di aumentare il numero di giovani che praticano sport, anche nelle discipline meno seguite e moltiplicare le occasioni per vivere il tempo libero in armonia con il proprio corpo e l’ambiente circostante - commentano il sindaco Luca Coffari e l'assessore allo sport Gianni Grandu -. Fondamentale in questo processo il ruolo della Consulta dello sport per sviluppare nel nostro tessuto sociale l’educazione e la formazione sportiva. Il territorio cervese si può configurare come “un grande parco dello sport” a disposizione di chi vuole godere delle bellezze ambientali e culturali e cimentarsi nel piacere di una vacanza balneare attiva. La diffusione dello sport agonistico-spettacolare e dell’attività fisica in ambienti salubri è un indicatore di benessere, artefice di una nuova frontiera del turismo. Ringraziamo tutti coloro che hanno collaborato a questo lavoro, elaborando un'analisi esaustiva e completa sulla situazione dello sport a Cervia".

Il Cconsigliere Francesco Balsamo, delegato a progetti di efficientamento della spesa, che ha coordinato la ricerca ed elaborato la raccolta dei dati, avvalendosi dei rendiconti del comune e delle attività delle singole associazioni  ha espresso la propria soddisfazione: "Lo scopo di questa analisi è valorizzare sempre più la diffusione dell’associazionismo e l’utilizzo degli impianti e delle strutture sportive. La finalità di questo percorso è quella di evidenziare eventuali azioni correttive e razionalizzare le risorse da destinare alle attività sportive continuando le politiche di sostegno rivolte principalmente ai giovani, agli anziani e ai disabili. Gli impianti sportivi comunali e gli spazi all’aria aperta hanno assunto con l’andar del tempo un valore di promozione turistica che abbina lo spirito di una vacanza attiva alla cura della salute e alla possibilità di vivere lo sport in ambienti sani e belli".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal calcio alla ginnastica: il cervese è "un grande parco dello sport"

RavennaToday è in caricamento