menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ciclisti pronti a scattare per la 62esima edizione della Lugo-San Marino

Sono 98 i km totali di questa competizione che scatta domenica 6 ottobre e attraversa diverse località del territorio ravennate

Domenica 6 ottobre parte dal centro commerciale Iris di Lugo la 62esima edizione della Lugo-San Marino, la classicissima d’autunno riservata agli allievi.

Il ritrovo è fissato per le 7.30 in via Piratello 66. Sono 98 i km totali che saranno percorsi in bicicletta, attraversando le località di Cotignola, Russi, San Pancrazio, Roncalceci, Ghibullo, San Pietro in Vincoli, San Zaccaria, Casemurate, Matellica, Cannuzzo, Pisignano, Montaletto, Villalta, Sala, Gatteo, Savignano, Canonica, Poggio Berni, Ponte Verucchio, Gualdicciolo (confine di Stato), Acquaviva e Borgo Maggiore.

In concomitanza alla gara, lungo lo stesso percorso, si svolgerà anche la gara ciclistica amatoriale in linea agonistica, organizzata dalla Società ciclistica “Francesco Baracca” in collaborazione con Uisp, Acsi e Fsc (Federazione sanmarinese ciclismo). Il ritrovo è sempre in via Piratello 66. La gara per amatori e donne prevede una partenza unica alle 8.30, quella per gli allievi parte alle 9.30.

La Lugo-San Marino ebbe il proprio battesimo il 7 settembre 1958. Si corse quel primo anno (e per qualche edizione ancora) anche come “Trofeo Gino Mazzolani” in ricordo di un atleta lughese della Baracca prematuramente scomparso. Il percorso era di 102 chilometri. L’arrivo era posizionato circa 50 metri prima di quello odierno, in vetta al monte Titano, in capo agli 8,5 chilometri della salita finale. Alla prima edizione furono trentacinque i partecipanti, ma il loro numero crebbe subito velocemente e si stabilizzò allo stesso valore di oggi, ovvero circa 200 iscritti ogni anno. L’Ufficio di Stato per il Turismo della Repubblica di San Marino, a partire dal 1962, ha messo a disposizione una grande medaglia d’oro per il vincitore della gara. La gara è nata da un’idea dell’allora presidente della società ciclistica “Francesco Baracca”, Lorenzo Berardi, a cui oggi è dedicata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento