rotate-mobile
Sport

San Giustino passa a Ravenna, nel finale sfiorata la rissa

Evidentemente è destino che la CMC giochi le peggiori gare in assoluto di una stagione difficile contro San Giustino. Nel finale rissa sfiorata per un irriverente time-out del tecnico ospite

Evidentemente è destino che la CMC giochi le peggiori gare in assoluto di una stagione complessivamente difficile contro San Giustino. Con merito, dopo che la CMC aveva letteralmente buttato via il primo set. Se non altro, il pomeriggio era partito bene con la premiazione di Roberto Costa, anima della società ravennate e grande deus ex machina del Settore Giovanile della Robur Costa, ripetutamente premiato negli ultimi anni con il Marchio di Qualità assegnato dalla Fipav.

Cmc - San Giustino 0-3 (foto Argnani)

La CMC deve rinunciare a Mengozzi, in panchina a causa dell’infortunio ad un occhio patito in allenamento, ed anche Radunovic è fuori causa per un infortunio alla caviglia. All’inizio le battute apparentemente soft di Fiore mettono invece in crisi la CMC (1-4), poi però Ravenna reagisce con Sirri e Moro e con un break di 7-1 si porta sull’8-5. Fenoglio cambia la diagonale inserendo Torre e Van Der Dries, ma la CMC è molto presente a muro e sufficientemente lucida in attacco. Improvvisamente, però, la ricezione ravennate crolla e San Giustino ne approfitta per operare una rimonta vincente. Nel secondo set la CMC avverte ovviamente il peso psicologico del primo parziale gettato alle ortiche e continua a sbagliare, restando a galla (6-8) solo perché l’Altotevere sbaglia a sua volta spesso. Fresa prova con Bellei per Moro e poi con Psarras in regia ma la CMC ha la testa sott’acqua e una volta ancora non riesce a tirarla fuori. Terzo set con Ravenna avanti di grinta (4-2) più che di tecnica, poi gli ospiti rimontano e si va punto a punto finché la CMC non cade. Finale animato perché il tecnico ospite Fenoglio, già protagonista all’andata di un episodio simile, chiama tempo sul secondo match-ball per i suoi e il De Andrè si scatena, con i ravennati infuriati e Moro protagonista di un faccia a faccia con il tecnico umbro. Prevale il buon senso e non accade nulla. MVP Cebulj

Mauro Fresa (allenatore CMC Ravenna): “Basta una palla negativa per far girare la nostra partita. Sembra incredibile ma è così, e perso il primo set la squadra è scomparsa. Sei giorni fa, a Latina, avevamo giocato una buonissima pallavolo e quindi mi aspettavo ben altro dai miei”.

Marco Fenoglio (allenatore Altotevere San Giustino): “A tre giornate dalla fine siamo nei Play Off ed è un sogno che si avvera, visto che all’inizio nessuno ci accreditava per un simile traguardo”.

CMC RAVENNA - ALTOTEVERE SAN GIUSTINO 0-3 (23-25, 17-25, 20-25)
CMC RAVENNA: Owens, Zhukouski, Psarras 3, Sirri 5, Tabanelli (L), Mazzotti, Di Franco 2, Zanuto 12, Moro 15, Bellei 3, Pelekoudas 6. Non entrati Mengozzi. All. Fresa.
ALTOTEVERE SAN GIUSTINO: Fiore 6, Van Den Dries 2, Mc Kibbin 1, Coali, Cesarini (L), Bohme 8, Mattioli 3, Torre 3, De Togni 7, Maric 12, Lo Bianco (L), Cebulj 14. Non entrati Guttmann. All. Fenoglio. ARBITRI: Cappello, Rapisarda. NOTE - durata set: 29', 25', 27'; tot: 81'.

Classifica
Itas Diatec Trentino 43, Cucine Lube Banca Marche Macerata 41, Copra Elior Piacenza 37, Bre Banca Lannutti Cuneo 35, Casa Modena 30, Sir Safety Perugia 30, Tonno Callipo Vibo Valentia 26, Andreoli Latina 25, BCC-NEP Castellana Grotte 23, Altotevere San Giustino 19, CMC Ravenna 10, Marmi Lanza Verona 8

1 incontro in più: Altotevere San Giustino, CMC Ravenna

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Giustino passa a Ravenna, nel finale sfiorata la rissa

RavennaToday è in caricamento