Coppa Italia, Alfonsine rullo compressore contro l'Argentana: servita la cinquina

Federico Innocenti in cabina di regia è inossidabile, e guida i giovani compagni togliendo spesso le castagne dal fuoco come solo lui sa fare

L’Argentana dei giovani deve chinare la testa a favore dei giocatori un po’ meno giovani dell’Alfonsine; perché nonostante i biancazzurri presentino un gran numero di under, non bisogna dimenticarsi di quegli over che hanno senz’altro fatto la differenza. In primis, il ritrovato Filippi, che torna con gioia nel suo ex team dopo aver lasciato proprio i ferraresi: ancora spietato dagli undici metri, e ancor meno quando il sinistro gli esce bene. Federico Innocenti in cabina di regia è inossidabile, e guida i giovani compagni togliendo spesso le castagne dal fuoco come solo lui sa fare. Il reparto arretrato funziona bene, alleggerito a volte dal capitano. Malo si conferma uomo pericoloso al tiro e non, e Hasanaj sulla destra sa fare molto male. Un pizzico di sfortuna per Simeoni e Casciola, che forse meritavano un po’ di più (come lo stesso Sabattani), ma senz’altro Federico e compagni possono ritenersi soddisfatti da questo turno di andata.

La cronaca

Primo match ufficiale dei biancazzurri post-Serie D e post-Covid, che permette loro di scrollarsi di dosso un po’ di ruggine e di voglia di giocare, sebbene a porte chiuse. Unico ex, il bomber Filippi. Al 9’ è proprio lui ad essere steso fallosamente in area da Biavati: ammonizione e rigore concesso all’Alfonsine. E’ sempre il numero 11 ad andare dal dischetto, e anche questa volta non sbaglia, nonostante il portiere sia riuscito a toccare il pallone con la mano. Al 20’ cerca di rispondere l’Argentana con Centonze imbeccato da Nicolai, ma il numero 10 a tu per tu con Palermo manca il bersaglio. Al 33’ cerca il raddoppio Filippi, ma non è ancora il suo momento; il tiro giusto arriva esattamente cinque minuti dopo, quando assesta un colpo mortale dei suoi, un diagonale che si infila nell’angolino alto del palo opposto. Al 40’ punizione da posizione interessante per i padroni di casa, Centonze cerca la porta, ma alza un po’ troppo la mira. Due minuti dopo sfiora la rete Simeoni, che dopo un’azione dei compagni riesce a deviare un’invitante pallone, ma Biavati ha un ottimo intuito e respinge nonostante la breve distanza. 43’, lancio di capitan Innocenti in avanti, Casciola scatta in area per colpire di testa, ma la palla esce.

Secondo tempo. Nei primissimi minuti ancora i biancazzurri pericolosi: palla di Hasanaj per Simeoni in mezzo, ma la sua deviazione non ha fortuna nemmeno questa volta, e termina a lato. Al 53’ palla pericolosamente in area casalinga, serie di batti e ribatti, e alla fine Casciola accompagna letteralmente la sfera in rete. Al 59’ Federico Innocenti mette in mezzo un bel pallone su punizione, Casciola riesce a indirizzarla verso Biavati, che non ha problemi a parare. Tre minuti dopo, Hasanaj scambia proprio con Casciola, velenoso sinistro a girare, ma termina fuori. Al 67’ Federico Innocenti cerca di segnare su punizione, ma Biavati fa suo il pallone. Al 76’ Filippi serve Malo in area, stop, e tiro che fredda il portiere. Al 79’ sviluppi di un calcio d’angolo, Hasanaj ha l’occasione di segnare di piede e non si tira certo indietro. All’ultimo minuto, il 94’, Sabattani riesce a intraprendere un’azione solitaria sulla destra, entra in area, ma il suo diagonale viene bloccato a terra da Biavati.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre passeggia nota un'auto nel fiume: a bordo non c'era nessuno

  • Morte di Maradona, la Pausini: "In Italia fa notizia l'addio a un uomo poco apprezzabile"

  • Schianto frontale: Panda proiettata nel fosso dopo l'urto, 65enne soccorso con l'elicottero del 118

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Lo sfogo di una parrucchiera: "Salone anti-covid, ma le miei clienti non possono più venire"

  • Troppe persone nel negozio di alimentari: chiuso per 5 giorni

Torna su
RavennaToday è in caricamento