menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Formula Uno, incidente shock: si rivede il fuoco, Grosjean miracolato. Poi il brivido di Stroll

Domenica si è sfiorato il dramma in Formula Uno. Il miracolato di turno è Roman Grosjean, francese del team Haas

Secondi interminabili. Il ritorno del fuoco. E la consapevolezza che a volte ci si dimentica del rischio che si corre a 300 km/h. Domenica si è sfiorato il dramma in Formula Uno. Il miracolato di turno è Roman Grosjean, francese del team Haas. Tutto si è consumato poche curve dopo il semaforo verde. Mentre Lewis Hamilton confermava la pole position, nelle retrovie c'era battaglia. Poi un'esplosione: la Haas di Grosjean cambia direzione, tocca la Alpha Tauri di Danil Kvyat, va in testa coda, sbatte contro le protezione, si spezza in due e prende fuoco. Il francese, grazie alla capsula di salvataggio in carbonio, è rimasto illeso, uscendo dalla vettura sulle sue gambe.

"Romain ha qualche piccola ustione alle mani e alle caviglie - si legge nel tweet postato dalla Haas - ma per il resto sta bene. È con i medici in questo momento". Il pilota è stato trasportato in ospedale per accertamenti. Ma si può gridare al miracolo nel guardare le immagini. The show must go on. Ripartenza e nuovo brivido. Ancora una volta coinvolto il malcapitato Kvyat: la sua Alpha Tauri si è infilata sotto quella di Lance Stroll, facendo da "leva" ed innescando un cappottamento. Nessuna conseguenza fisica. La gara è andata avanti ed ha visto Hamilton dominare davanti alle Red Bull di Max Verstappen e Alexander Albon. Ottima la prestazione di Pierre Gasly, sesto con la faentina Alpha Tauri.

“La cosa più importante è aver visto Romain allontanarsi da quell’orribile incidente all’inizio della gara - esclama -. Sono state immagini scioccanti, ma sono davvero contento che stia bene: gli auguro una pronta guarigione, spero di rivederlo presto. Per quanto riguarda le prestazioni, sono davvero soddisfatto del nostro lavoro. Abbiamo scelto una strategia rischiosa: è stato un azzardo, ma alla fine ha pagato. È stata una delle gare più difficili: dovevo spingere più forte che potevo, ma senza strapazzare troppo le gomme così da poterle far durare per il maggior numero di giri possibile. È stato complicato, ma siamo riusciti a ottenere uno dei nostri migliori risultati dell’anno: sono felice di tornare in zona punti e capitalizzare il lavoro svolto questa domenica".

Domenica difficile per Kvyat: “Finire undicesimo è molto frustrante. All’inizio della gara ero un po’ arrabbiato con Romain per la sua manovra, ma dopo aver visto le fiamme ero solo preoccupato per lui perché ho capito quanto fosse grave l’incidente: speravo solo che stesse bene e fortunatamente così è stato. Alla ripartenza ho avuto un incidente con Stroll. Ero già affiancato a lui all’interno e, anche se penso che mi abbia visto, ha scelto di girare come se non ci fossi. Ho provato a portare tutta la macchina all’interno del cordolo, ma non potevo fare molto altro. Quindi, non sono d’accordo con i Commissari Sportivi riguardo la penalità che mi è stata inflitta. È un peccato che abbiano preso questa decisione che, di fatto, ha rovinato la mia gara. Sono arrabbiato ma, purtroppo, nulla cambierà questo risultato”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Il mito del Passatore: eroe cortese o spietato assassino?

Salute

Le mascherine per proteggere la salute dei bambini

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento