rotate-mobile
Sport Lugo

Giro della Romagna, tante iniziative collaterali e tanti ciclisti

Domenica si svolgerà a Lugo il "Giro della Romagna", la ormai classica manifestazione cicloturistica non competitiva, giunta quest'anno alla 34° edizione, organizzata dalla Unione Cicloturistica F. Baracca di Lugo

Domenica si svolgerà a Lugo il "Giro della Romagna", la ormai classica manifestazione cicloturistica non competitiva, giunta quest'anno alla 34° edizione, organizzata dalla Unione Cicloturistica F. Baracca di Lugo, con partenza e arrivo dal piazzale dello Stadio comunale di Lugo. Quest'anno la Gran Fondo Cicloturistica articolata su 4 percorsi di lunghezza e difficoltà variabile rispettivamente di 62, 88, 138 e 170 chilometri e con un dislivello da coprire che è di 240, 740, 1.600 e 2.040 metri, sarà accompagnata da una nutrita serie di altri eventi.

Oltre alla 3° edizione della Randonnée della Romagna che prevede due percorsi di 400 e 300 km. che partiranno da piazza Baracca a Lugo la sera di sabato 4 maggio rispettivamente alle ore 18 e alle ore 22 e arriveranno anch'essi la domenica nel piazzale dello Stadio di Lugo, vi sarà per la prima volta una Gran Fondo di Mountain Bike che, attraverso due percorsi che partono da Lugo arriveranno, quasi interamente in fuori strada, fino al confine toscano sull'Appennino, poi vi sarà anche un evento dedicato alle fixed bike, le bici a scatto fisso che stanno prendendo sempre più piede tra i giovani e specie nelle grandi città. Una serie di eventi quindi che "cercano di cogliere un po' tutti gli impulsi che provengono dal variegato mondo degli amanti della bicicletta, compreso anche le nuove tendenze che vengono avanti, dimostrando così con i fatti che questa società, nonostante i positivi risultati nelle iniziative che promuove, non si culla sugli allori ma cerca di stare al passo coi tempi per rispondere al meglio alle esigenze dei sempre più numerosi amanti della bicicletta" .

Le novità introdotte, tra cui anche l'introduzione della rilevazione dei passaggi informatizzata in sostituzione della registrazione manuale delle cartoline di iscrizione, si accompagnano poi all'ormai proverbiale alto livello organizzativo e agli apprezzatissimi ristori lungo i percorsi e pasta party finale che quest'anno hanno anche una specifica area senza glutine, il tutto mantenendo le quote di iscrizione a soli sette euro, cosa questa resa possibile dal lavoro volontario e gratuito che i soci continuano a prestare. "Sono queste le ragioni che richiamano ogni anno migliaia di appassionati a Lugo al Giro della Romagna, portandolo ad essere una tra le Gran Fondo più partecipate a livello nazionale". Quest'anno avremo anche una delegazione di cicloturisti irlandesi della città gemellata di Wexford, guidati dal loro Sindaco.

Allacciandosi a quest'ultimo elemento, nel corso della Conferenza Stampa organizzata nel Salone Estense della Rocca di Lugo congiuntamente al Comune di Lugo, la Uc. Baracca avanza una proposta, rivolta in primo luogo alle Amministrazioni Locali che vengono toccate dai diversi percorsi e alle Associazioni imprenditoriali: "se è vero che migliaia di persone vengono a Lugo in quel giorno, spesso accompagnati dalle famiglie, non sarebbe forse il caso di vedere tutti insieme che cosa si può mettere in campo per far si che questo evento sportivo diventi anche un momento di promozione di Lugo e dei territori attraversati, delle sue bellezze, delle sue eccellenze e delle sue attività economiche e produttive?" chiedendo poi che sia il Comune di Lugo a farsi promotore di uno specifico incontro con tutti questi soggetti per verificare se esistono concrete disponibilità a esplorare questa strada e nel caso a iniziare a collaborare tra chi ci sta per costruire uno specifico progetto che potrebbe trovare nel 2014 il suo banco di prova, approfittando anche della ricorrenza dei cento anni dell'arrivo a Lugo della prima e unica tappa di un Giro d'Italia, questo anche "per ricordare il legame e l'interesse che il ns. territorio e la ns. gente hanno da sempre con lo sport del ciclismo e con la bicicletta che, così come nel passato è stata anche strumento di lavoro e di emancipazione, altrettanto può essere oggi strumento per contribuire al rilancio e allo sviluppo del territorio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giro della Romagna, tante iniziative collaterali e tanti ciclisti

RavennaToday è in caricamento