rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Sport Lugo

Gran Premio Nuvolari, sfilata di bolidi storici: anche una Fiat 501 S Corsa

Vincitori per la quarta volta, terza consecutiva nella storia della manifestazione, il team di Andrea Vesco e Andrea Guerini a bordo di una Fiat 508 S Balilla Sport del 1934

Domenica ha fatto tappa a Ravenna e Lugo il 24esimo Gran Premio Nuvolari. Sono 276 gli equipaggi iscritti, provenienti da 15 diverse nazioni europee, nonché da Argentina e Australia. Tra le vetture più antiche, una Fiat 501 S Corsa e una Buick Speedster austriaca, entrambe del 1924; le più recenti, del 1969, un’Alfa Romeo Giulia GT Junior, una Fiat Dino e un’Alfa Romeo Duetto 1750 Spider Veloce.

Il Gran Premio si è svolto in tre giornate: venerdì la prima tappa da Mantova a Rimini; sabato da Rimini a Siena, con ritorno a Rimini; domenica da Rimini a Mantova. Vincitori per la quarta volta, terza consecutiva nella storia della manifestazione, il team di Andrea Vesco e Andrea Guerini a bordo di una Fiat 508 S Balilla Sport del 1934. Il passaggio da Lugo è stato coordinato dai soci della Scuderia Ferrari Club “Francesco Baracca”, sotto la direzione del vicepresidente Enrico Savorelli, e grazie all’ottimo rapporto instauratosi con l’Amministrazione comunale. “Questa è una delle tante attività che la nostra associazione (che conta otre 130 iscritti) svolge durante il corso dell’anno - ha ricordato Savorelli -. Il principale appuntamento motoristico che ci coinvolge è naturalmente la Festa del Cavallino, in programma la seconda domenica del mese di ottobre”.

Il Gran Premio Nuvolari a Lugo: le foto

GP Nuvolari 1954/1957 - La Storia - La scomparsa di Tazio Nuvolari, avvenuta l'11 agosto 1953, destò grande sensazione in tutto il mondo, in particolare, commosse gli uomini della Mille Miglia, Renzo Castagneto, Aymo Maggi e Giovanni Canestrini, i tre che con Franco Mazzotti, scomparso durante la Seconda guerra mondiale, avevano ideato e realizzato la “corsa più bella del mondo”. Castagneto, il deus ex machina della Mille Miglia, e i suoi amici, erano autenticamente legati al pilota mantovano, non solo per l'affetto e la stima per l'uomo e l'ammirazione che provavano per il grande campione, ma anche per i sentimenti di riconoscenza che gli attribuivano, per essere stato tra coloro che, con le proprie gesta, avevano maggiormente contribuito all'inarrestabile crescita della loro creatura. Per onorarne la memoria, il percorso tradizionale della Mille Miglia venne modificato così da transitare per Mantova. Da allora, venne istituito il Gran Premio Nuvolari, da destinare al pilota più veloce e quindi da disputarsi sui lunghi rettilinei che percorrono la pianura Padana, partendo da Cremona e transitando per Mantova, fino al traguardo di Brescia.

GP Nuvolari 1991/2013 - La Rievocazione - Oltre alle quattro edizioni storiche svoltesi dal 1954 al 1957, oggi si sommano, dal 1991, 23 rievocazioni del Gran Premio Nuvolari, manifestazione internazionale di regolarità riservato ad auto storiche. I soci fondatori di Mantova Corse, Luca Bergamaschi, Marco Marani, Fabio Novelli e Claudio Rossi, continuano con questa iniziativa nella medesima opera tramandata dai padri fondatori della Mille Miglia. Il fine è infatti il medesimo: consentire ai piloti delle nuove generazioni di cimentarsi sulle vetture che scrissero la storia di quei giorni, rendendo omaggio al più grande, al più ardimentoso al più audace dei loro predecessori: Tazio Nuvolari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gran Premio Nuvolari, sfilata di bolidi storici: anche una Fiat 501 S Corsa

RavennaToday è in caricamento