menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Faenza punisce il Granamica: vittoria di misura firmata da Malo

Domenica prossima ancora impegno casalingo per i biancoazzurri in un piccolo derby con il Sanpaimola a meno di sei mesi dall’ultimo precedente.

Il Faenza centra il primo successo al “Neri” con il Granamica e la seconda vittoria consecutiva, consolidando la classifica dopo una prova gagliarda. Non è stato facile contro l’ostica formazione bolognese, che nella ripresa ha spinto molto per recuperare il risultato, senza fortuna. La squadra biancoazzurra, pur priva di un giocatore fondamentale come Gardenghi e di  Missiroli, ha avuto un buon approccio alla gara, cercando, senza rischiare nulla, di creare occasioni e difficoltà a un avversario che adottava, almeno nella prima parte, una tattica di attesa.

Dopo i primi dieci minuti di studio, il Faenza costruiva opportunità con Salazar che veniva anticipato, poi con Malo e infine Tosi. Il gol era nell’aria ed arrivava poco oltre la mezz’ora grazie a Malo che recuperava il pallone e da quasi 10 metri fuori dall’area scagliava un bolide che mandava la sfera nel sette della porta difesa da Bertocchi che nulla poteva. 
Ancora Malo in contropiede sfiorava il gol, ma il suo tiro era debole. Il Granamica reagiva e dall’inizio del secondo tempo, con un assetto diverso dovuto a tre cambi operati da mister Nesi, si portava stabilmente in avanti alla ricerca del pari.  Era il nuovo entrato Cissè a essere sollecitato dai compagni più volte. 

Prima era impreciso dentro l’area permettendo il recupero della difesa faentina, poi al momento di entrare nei 16 metri era contrato in maniera dubbia da un avversario terminando a terra. Grandi proteste dei bolognesi che chiedevano il calcio di rigore, ma l’arbitro Nasi non era di questo avviso. Il Granamica teneva ancora il possesso palla ribaltando la situazione tattica del primo tempo e premeva creando qualche momento di difficoltà al Faenza che però resisteva con ordine. Un brivido per i manfredi  derivava dal tiro di Raspadori a cui si opponeva con sicurezza il portiere faentino Calderoni, ma era l’unico vero pericolo per i giocatori di mister Fulvio Assirelli che portavano in porto una preziosa vittoria. Domenica prossima ancora impegno casalingo per i biancoazzurri in un piccolo derby con il Sanpaimola a meno di sei mesi dall’ultimo precedente.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento