Sport Faenza

Il Faenza ritrova la vittoria e batte il fanalino di coda del campionato

Al "Neri" i padroni di casa vincono per 3 a 1 con i gol di Melandri, Negrini e Filippi

Ritrova il “Bruno Neri” e la vittoria il Faenza calcio che voleva i tre punti e li fa suoi nel match con il fanalino di coda Cervia. Una partita piacevole con le squadre che si sono fronteggiate a viso aperto. La squadra biancoazzurra si presenta subito con il nuovo attaccante Filippi su cui è attento in uscita Braggion, e poi (2’) con Negrini che liberato da un colpo di testa di Savioni, solo davanti alla porta, angola troppo il diagonale che si perde a lato. Pronta la replica del Cervia (8’) con Bondi, bravo a liberarsi sullo stretto di un avversario e saettare a rete trovando l’opposizione di Lusa. Due minuti e il Faenza passa: Errani recupera un pallone a centrocampo e lo serve a Fontana, ex di turno, che guadagna il fondo e pennella di sinistro un preciso cross su cui Negrini riesce a fare da sponda per il tempestivo inserimento di Gioele Melandri abile a firmare il vantaggio manfredo. Il Cervia cerca di portarsi avanti per pareggiare e il Faenza trova spazi in contropiede. Prima Filippi supera l’avversario e conclude trovando il portiere avversario pronto alla risposta, poi (23’) è Negrini su un bel passaggio in verticale di Lanzoni a inserirsi in velocità e battere con precisione a rete per il raddoppio. Rabbiosa la reazione del Cervia che prima trova Denis Melandri attento a recuperare il pallone quasi sulla linea di porta dopo una uscita non perfetta di Lusa, poi dimezza lo svantaggio con Bondi (28’) che si procura e realizza un calcio di rigore dopo esser entrato in contrasto in area con Filippi. Sette minuti dopo la squadra gialloblù sfiora il pareggio: calcio di punizione dalla trequarti, sfera scodellata a centro area dove Bondi impegna severamente Lusa sulla cui respinta Severi conclude alto. Il tempo si chiude con un tiro di Domini facilmente controllato da Lusa con una parata a terra.

Nel secondo tempo il Faenza ha subito (6’) l’opportunità per ampliare il vantaggio: preciso rilancio di Denis Melandri che pesca appena entrato nei sedici metri Filippi, che aggancia in bello stile e viene atterrato da Vespignani. Calcio di rigore che però Braggion para allo stesso attaccante biancazzurro. Filippi però si rifà quando (31’), liberato da perfetto assist in verticale di Lanzoni che trova il corridoio giusto, segna sul filo del fuorigioco. E’ il colpo del k.o. per il Cervia che in inferiorità numerica da qualche minuto per l’espulsione di Vespignani, si arrende. Il Faenza potrebbe anzi allungare ancora con Bentini, che si vede parare il tiro da Broggion e poi con Negrini che in pieno recupero su calcio di punizione dal limite supera di poco la traversa. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Faenza ritrova la vittoria e batte il fanalino di coda del campionato

RavennaToday è in caricamento