Giovedì, 24 Giugno 2021
Sport

Il volley ravennate esorcizza il Covid con le note coinvolgenti di Jerusalema

Come per un match di campionato, le due squadre hanno ‘studiato’, si sono preparate e si sono applicate, cimentandosi poi simpaticamente in una ‘disciplina’ diversa, ma sempre di squadra

Le note coinvolgenti di Jerusalema, la voglia di esorcizzare il Covid, e la pallavolo come assoluto comune denominatore. Ecco gli ingredienti che hanno convinto la Conad Olimpia Teodora Ravenna di A2 femminile e i ragazzi dell’under 19 e della serie C (che comincia fra 10 giorni) della Sirio Pietro Pezzi Ravenna a ritrovarsi – uniti, ma distanti – al PalaCosta, ovvero la storica casa del volley ravennate, per richiamare l’attenzione sulla gioia che regala la pallavolo giocata.

L’idea è stata spontaneamente mutuata da altre realtà di volley sul territorio nazionale. In pratica, Olimpia Teodora e Pietro Pezzi hanno raccolto un virtuale testimone da rilasciare ora a chi, altrettanto spontaneamente, vorrà proseguire in una sorta di Giro d’Italia che rappresenti la gioia del volley. Come per un match di campionato, le due squadre hanno ‘studiato’, si sono preparate e si sono applicate, cimentandosi poi simpaticamente in una ‘disciplina’ diversa, ma sempre di squadra.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il volley ravennate esorcizza il Covid con le note coinvolgenti di Jerusalema

RavennaToday è in caricamento