Judo al Parco, progetto concluso: "Oltre 300 presenze tra bimbi e ragazzi"

"Durante gli incontri i ragazzi hanno sostenuto anche gli esami per guadagnarsi la cintura superiore", spiegano

All'ombra della Loggetta Lombardesca all'i ternodei giardini pubblici si é svolto giovedì l'ultimo degli otto appuntamenti di Judo al Parco, progetto ludico motorio patrocinato dal Comune e Provincia di Ravenna e dalla Regione Emilia Romagna. "Sono stati mesi  difficili, quelli che ci lasciamo alle spalle, ma alla fine ce l'abbiamo fatta tutti insieme e l'estate è sbocciata nei parchi pubblici della città - spiegano i promotori del progetto del Kjr-. Durante gli incontri i ragazzi hanno sostenuto anche gli esami per guadagnarsi la cintura superiore. Quest' anno le presenze dei  bambini e ragazzi saliti sul tatami  montati per l'occasione nei giardini sono state più di 300".

"Un grazie a tutti gli atleti del Kaishi Judo Romagna che con la loro costante presenza hanno dimostrato quanto si possa fare insieme, alle loro famiglie, a Natascia e Giampaola che ci sono indispensabili al desk, ad AVIS Ravenna , Anmic e ad Andrea Delorenzi che ci ha regalato tante buone merende. Un grazie a tutti i nuovi amici conosciuti nei parchi che speriamo di rincontrare a settembre . É stato bellissimo vedere grandi e piccoli confrontarsi sul tatami, prima rigorosamente a distanza e adesso finalmente e nuovamente vicini. Buona estate a tutti e arrivederci a settembre". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico tamponamento mortale, il disperato volo dell'elicottero non riesce a salvargli la vita

  • Una giovane stilista romagnola conquista il principe Carlo con i suoi abiti

  • Schianto frontale: Panda proiettata nel fosso dopo l'urto, 65enne soccorso con l'elicottero del 118

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Morte di Maradona, la Pausini: "In Italia fa notizia l'addio a un uomo poco apprezzabile"

  • Lo sfogo di una parrucchiera: "Salone anti-covid, ma le miei clienti non possono più venire"

Torna su
RavennaToday è in caricamento