Sport

L'OraSì riscatta la prova di Milano: battuta Roseto, Thomas è una certezza

"La squadra ha dato sul campo la migliore risposta possibile", è il commento del coach

L'OraSì Ravenna si mette alle spalle la sconfitta di venerdì scorso contro l'Urania Milano e supera con autorevolezza Roseto per 81-69 dopo un inizio ed un finale negativo. La squadra di coach Massimo Cancellieri ha saputo interpretare nella giusta maniera il match, chiudendo le maglie in difesa, costringendo spesso all’errore gli abruzzesi e giocando la sua pallacanestro. Terzo quarto determinante, con un parziale di 19-8 che ha scavato il gap decisivo. Potts (17 punti e 7 rimbalzi), Thomas e Marino concludono ancora in doppia, cifra ma anche otto giocatori giallorossi a segno con Sergio e Venuto a siglare triple pesanti. Per Roseto (roster più giovane della Lega) da segnalare la prova del giovane Nicola Giordano, classe 2003, autore di 10 punti. "La squadra ha dato sul campo la migliore risposta possibile - è il commento del coach -. È stata probabilmente la partita casalinga più complicata tra quelle giocate, vinta con intensità e grande spirito, con una difesa che ci ha permesso di tenere Roseto a soli 8 punti nel terzo quarto". 

La partita

OraSì in campo con Potts, Thomas, Chiumenti, Marino e Venuto. Roseto risponde con Lattin, Menalo, Canka, Nikolic, Bayehe. Inizio dominato dalle difese (5-5 dopo 5 minuti), poi si va avanti sul filo dell’equilibri e il primo quarto si chiude 17-20, con 10 punti di Thomas.
Si alza il ritmo con grande lotta sotto le plance, Jurkatamm firma prima la parità poi il nuovo vantaggio OraSì (26-24), rintuzzato da una tripla di Sergio (29-24). De Fabritiis spara da tre sulla sirena (29-27) poi anche Marco Venuto entra in striscia con tre triple (41-33). Si va all’intervallo lungo sul 43-37.

Si riparte con due triple OraSì in meno di un minuto (Sergio e Potts dopo una rubata) per il 49-37. L’intensità difensiva di Ravenna cresce e costringe Roseto a giocare al limite dei 24 secondi, spesso con infrazione del tempo di attacco. L’OraSì concede agli avversari appena 8 punti e chiude il quarto avanti 62-45 con un appoggio al tabellone di Treier sulla sirena. L’energia dell’OraSì è nel rimbalzo di Chiumenti, che con un tap-in mette il suo primo canestro dal campo e nel recupero di Tommaso Marino dopo una palla persa. Ravenna mantiene alta l’attenzione e controlla il rientro di Roseto (che arriva fino al -5), per chiudere con carattere. Finisce 81-69

Il tabellino

OraSì Ravenna: Farina NE, Potts 16, Jurkatamm 9, Thomas 17, Chiumenti 3, Marino 10, Zanetti NE, Treier 8, Venuto 9, Seck, Sergio 9, Bravi NE. All.: Cancellieri. Assistenti: Bulleri, Taccetti.
Sapori Veri Roseto: Mabor, Lattin, Giordano 10, Menalo 6, De Fabritiis 10, Canka 2, Nikolic 10, Fokou NE, Sebastianelli NE, Ciribeni 4, Bayehe 18, Pierich 9. All.: D’Arcangeli.
Arbitri: Ursi, Barbiero, Doronin.
Parziali: 17-20, 26-17, 19-8, 19-24
Ravenna: da due 9/24, da tre 15/36, rimbalzi 34
Roseto: da due 13/29, da tre 10/21, rimbalzi 39  

Spettatori: 2000 circa

  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'OraSì riscatta la prova di Milano: battuta Roseto, Thomas è una certezza

RavennaToday è in caricamento