Sport

La Consar gioca un match un eccellente. Perugia suda sette camicie per vincere

È stata dura, a tratti durissima domenica sera per i ragazzi di Carmine Fontana, in panchina per la squalifica di Vital Heynen, contro un avversario, quello del tecnico Marco Bonitta, che ha giocato una partita eccellente

Cuore, carattere, voglia di vincere. E qualità tecnica. Con queste armi la Sir Safety Conad Perugia esce vincente dalla battaglia del Pala De Andrè, sconfiggendo i padroni di casa della Consar Ravenna in quattro set e conquistando tre punti di piombo per la propria classifica, restando al comando della Superlega sempre in coabitazione con Civitanova. È stata dura, a tratti durissima domenica sera per i ragazzi di Carmine Fontana, in panchina per la squalifica di Vital Heynen, contro un avversario, quello del tecnico Marco Bonitta, che ha giocato una partita eccellente, con una fase break di alto livello e con due attaccanti come Vernon-Evans (19 punti e 58% in attacco) e Lavia (18 punti, con 4 muri, e un 50% in ricezione) a tratti imprendibili. Ma Perugia l’ha spuntata lo stesso, tirando fuori tutto quello che aveva in corpo e confermandosi d’acciaio sotto l’aspetto mentale e caratteriale. La Consar merita tutti gli applausi degli oltre 2500 è riuscita a giocarsela alla pari, mostrando una fase break molto efficace, arrendendosi solo da metà del quarto set quando Atanasijevic spariglia le carte piazzando 5 punti consecutivi, andandosi a prendere l’Mvp, Leon non smette di martellare (alla fine sono 22 i punti al suo attivo) e la ricezione non mostra cedimenti.

La partita

Subito doppietta con Atanasijevic e l’ace di Lanza (0-2). Contrattacco di Leon (1-4). Vernon-Evans accorcia (4-5). Ace di Leon (4-7). Out la pipe di Ter Horst (5-9). Ancora Vernon-Evans dimezza le distanze (9-11). Fuori il primo tempo di Grozdanov (10-14). A segno invece quello di Podrascanin (11-16). Ravenna non molla spinta sempre dal suo opposto canadese (17-20). I padroni di casa tornano a -1 con il muro di Lavia e l’ace di Ter Horst (20-21). Splendido attacco di Atanasijevic, poi super muro di Podrascanin (20-23). Set point dopo l’attacco di Lanza (21-24). Chiude subito il muro di Russo (21-25).

Vantaggio Ravenna nella fase iniziale della seconda frazione con Vernon-Evans (3-2). Non si schioda l’equilibrio (6-6). Break dei padroni di casa con l’ace di Grozdanov ed il contrattacco di Lavia (9-6). Leon e l’attacco out di Lavia riportano Perugia in parità (9-9). Sorpasso bianconero con Leon ed Atanasijevic (9-11). Il solito Vernon-Evans pareggia con due punti consecutivi (11-11). Torna avanti la Consar dopo l’attacco out di Leon (13-12). Due di Lanza e controsorpasso bianconero (15-16). Fuori Atanasijevic, ace di Ter Horst e Ravenna prova a scappare (18-16). Contrattacco di Lanza (20-17). Murato Leon (22-18). Infermabile Vernon-Evans (23-19). Sempre il canadese e set point Ravenna (24-20). Al terzo tentativo decide l’errore di Leon dai nove metri (25-22).

1-3 Perugia in avvio di terzo parziale. Ravenna trova la parità a quota 7 dopo l’attacco out di Atanasijevic. Ace di Saitta e vantaggio Consar (8-7). Ancora out Atanasijevic (9-7). Due di Leon (attacco ed ace), muro di Lanza ed i Block Devils capovolgono (9-10). De Cecco chiude sotto rete, poi contrattacco di Atanasijevic (11-14). Ravenna torna subito sotto (13-14). Ace di Russo (14-17). Leon mantiene le distanze (16-19). Gran colpo di Lanza (17-20). Atanasijevic dalla seconda linea (19-22). Attacco e muro di Leon, set point Perugia (20-24). Ravenna ne annulla due con Lavia ed Alonso (22-24). Chiude Leon (22-25).

3-3 nel quarto set dopo il pallonetto a terra di Leon. Doppio muro di Podrascanin (3-5). Il muro, stavolta di Lavia, pareggia (5-5). Ancora Lavia e vantaggio Consar (6-5). Maniout di Lanza (6-7). Ace di Vernon-Evans, out Leon e Ravenna va (11-9). Primo tempo di Podrascanin, ace di Leon e si torna in equilibrio (13-13). Atanasijevic in attacco per il 15-15, dal servizio due volte per il 15-16 e poi 15-17, ancora in contrattacco per il 15-18 e poi ancora dai nove metri per il 15-19. Il neo entrato Cavuto accorcia (17-19). Contrattacco di Leon (17-21). Ancora Leon due volte (18-23). Muro del neo entrato Zhukouski e match point Perugia (18-24). Chiude Leon (19-25).

Il Tabellino

CONSAR RAVENNA – SIR SAFETY CONAD PERUGIA 1-3

Parziali: 21-25, 25-22, 22-25, 19-25

CONSAR RAVENNA: Saitta 1, Vernon-Evans 19, Grozdanov 3, Cortesia 7, Lavia 18, Ter Horst 8, Kovacic (libero), Stefani, Cavuto 1, Alonso 2. N.e. Ricci Maccarini, Recine, Bortolozzo, Marchini (libero). All. Bonitta, vice all. Greco.

SIR SAFETY CONAD PERUGIA: De Cecco 1, Atanasijevic 16, Russo 8, Podrascanin 14, Leon 22, Lanza 11, Colaci (libero), Zhukouski 1, Plotnytskyi. N.e.: Ricci, Piccinelli, Taht, Hoogendoorn, Biglino (libero). All. Fontana.

Arbitri: Massimo Florian - Marco Braico

Le Cifre
RAVENNA: 16 b.s., 6 ace, 46% ric. pos., 39% ric. prf., 47% att., 4 muri. PERUGIA: 20 b.s., 8 ace, 60% ric. pos., 44% ric. prf., 54% att., 10 muri. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Consar gioca un match un eccellente. Perugia suda sette camicie per vincere

RavennaToday è in caricamento