Venerdì, 18 Giugno 2021
Sport

La Consar se la gioca contro Perugia: ma è la capolista a fare festa

Festa a fine gara per i circa trecento Sirmaniaci che hanno approfittato della giornata primaverile e della vicinanza della trasferta per salire in massa in Romagna

Con una prova di spessore e di alto livello la Sir Safety Conad Perugia espugna il Pala De Andrè di Ravenna sconfiggendo in tre set i padroni di casa della Consar di fronte a poco meno di tremila spettatori. Festa a fine gara per i circa trecento Sirmaniaci che hanno approfittato della giornata primaverile e della vicinanza della trasferta per salire in massa in Romagna, per essere sempre vicini ai loro beniamini e per ammirare una Perugia bella e concreta. Non inganni il risultato finale, Ravenna se l’è giocata con qualità e con un’ottima prova soprattutto a muro ed in difesa. Ma i Block Devils non si sono innervositi, hanno tenuto mentalmente il campo con il piglio della grande squadra ed alla fine hanno fatto la differenza, come spesso capita, soprattutto dai nove metri con sei ace diretti e con una pressione costante per la seconda linea romagnola. Implacabile in attacco Wilfredo Leon.

L’asso cubano di passaporto polacco è l’Mvp della gara con 20 punti, il 75% in attacco e 2 ace ben spalleggiato dall’altro fromboliere bianconero, al secolo Aleksandar Atanasijevic che ne mette 13 risolvendo soprattutto tante situazioni importanti in contrattacco nei momenti caldi del terzo set. Non fanno più notizia Max Colaci in seconda linea e Luciano de Cecco in cabina di regia, Podrascanin e Ricci (con fan club personalizzato arrivato dalla vicina Cotignola sugli spalti) tengono bene al centro della rete, Lanza festeggia alla grande il suo ventottesimo compleanno (tanti auguri!) con la consueta prova di equilibrio e di qualità assoluta soprattutto nel risolvere palloni “sporchi”.  

"Perugia ha dovuto far ricorso al suo miglior Leon per vincere e questo va a merito ai miei ragazzi che in diverse situazioni hanno giocato alla pari con una squadra formidabile - commenta coach Graziosi -. Avevamo voglia di riscattarci dopo la sconfitta con Sora, credo che ci siamo riusciti e adesso è importante non mollare la presa, e arrivare bene a questo fine campionato, con questa mentalità e con questa qualità. Tra le cose che mi hanno fatto piacere c’è che nel fondamentale della difesa eravamo sempre presenti su tutti i palloni, li abbiamo toccati tutti, e anche in battuta abbiano fatto bene perchè li abbiamo messi in difficoltà”.

LA PARTITA - L’ace di Atanasijevic porta il primo break del match (1-3). Un altro ace, stavolta di Rychlicki, pareggia (4-4). Due attacchi out proprio di Rychlicki (5-7). Mezzo ace di Lanza con Leon che chiude, poi ace pieno del martello bianconero (6-10). Pallonetto vincente in contrattacco di Leon poi muro di Ricci, +6 Perugia (8-14). Pipe di Leon, altro break per i Block Devils (9-16). Ace di Russo (13-18). Perugia riparte con il contrattacco di Leon (13-20), il muro di Ravenna riduce a cinque le lunghezze di distanza (15-20). Ace di Atanasijevic (17-23). La pipe di Lanza porta i suoi al set point (18-24). Chiude il tocco di seconda intenzione di De Cecco (19-25). Seconda frazione con Atanasijevic subito protagonista (1-2). Gran maniout di Lanza (2-5). Torna in parità Ravenna con il muro di Russo (5-5). Muro di Podrascanin, nuovo +2 Sir (5-7). Si torna in parità a quota 10 con l’errore in attacco dei bianconeri. Vantaggio dei padroni di casa con Rychlicki (12-11). Due in fila (attacco ed ace) di Leon, poi contrattacco di Lanza (12-14). Out la pipe di Poglajen (13-16). I padroni di casa difendono tutto e con Rychlicki si riportano a -1 (16-17). Leon implacabile da posto quattro (19-22). Due muri in fila di Russo, Ravenna non molla (21-22). Atanasijevic porta Perugia al set point (22-24). Rychlicki annulla il primo (23-24). Al secondo chiude Leon da posto cinque (23-25). Terzo parziale con Leon che ne mette due (attacco ed ace) per il 2-4. Il muro di Saitta pareggia (4-4). Vantaggio di casa dopo l’errore in attacco di Perugia e due ace di Raffaelli (8-5). Lanza accorcia subito (8-7). Altro muro della Consar (10-7). Atanasijevic chiude il colpo dalla seconda linea (12-11). Altro contrattacco vincente dell’opposto serbo e si torna in parità (13-13). Ace di De Cecco, i Block Devils tornano avanti (15-16). Leon tiene il piccolo vantaggio bianconero (18-19). Perugia piazza il break con Leon al servizio (19-22). La Consar torna ancora sotto (22-23). Lanza fenomenale contro il muro a tre, match point Sir (22-24). Chiude subito la pipe di Leon (22-25).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Consar se la gioca contro Perugia: ma è la capolista a fare festa

RavennaToday è in caricamento