rotate-mobile
Sport

LegaDue Silver, Ravenna ospita Firenze: dolci ricordi e una posta in palio molto alta

“Siamo pronti per giocare una grande partita e dare la caccia a due punti che potrebbero rivelarsi fondamentali per il prosieguo del nostro campionato", afferma coach Lanfranco Giordani

Dolci ricordi e posta in palio molto alta per il match di domenica al PalaCosta. L’Acmar ospiterà infatti quell’Affrico Firenze contro la quale, lo scorso 9 giugno, i giallorossi conquistarono la storica promozione in Silver. A distanza di pochi mesi, la gara che si giocherà domenica alle 18 nell’impianto di Piazza Caduti sul Lavoro è, se possibile, altrettanto importante. Da un lato si troverà un’Acmar rinvigorita dall’innesto di Singletary e dall’exploit di Matera, che ha ridato morale alla truppa di Giordani e ha restituito slancio in classifica. Dall’altro, c’è una Enegan in difficoltà di classifica ma non di gioco, determinata a dare seguito al successo casalingo di domenica scorsa contro Omegna e a conquistare, a partire dalla trasferta di Ravenna, punti fondamentali nella loro corsa alla salvezza.

“Siamo pronti per giocare una grande partita e dare la caccia a due punti che potrebbero rivelarsi fondamentali per il prosieguo del nostro campionato - afferma coach Lanfranco Giordani -. Il successo di Matera ci ha restituito convinzione nei nostri mezzi e la fiducia necessaria per giocare una partita di personalità. Non siamo stati particolarmente fortunati negli ultimi tempi, e vogliamo recuperare quel qualcosa che ci è mancato giocando con grinta e intensità".

Il coach si dice consapevole "che Firenze scenderà in campo con lo spirito di chi deve fare risultato a tutti i costi: non vogliamo farci intimidire e siamo pronti alla battaglia. Dal punto di vista tecnico, i cambiamenti profondi in sede di guida tecnica (da Giordani ad Attilio Caja) e nel roster (il tiratore Rancic, l’esterno Rabaglietti e il lungo Quaglia hanno preso il posto di Brandon Wood, Cosimo Fontani e Marco Pazzi) hanno dato qualità alla squadra, che è cambiata profondamente rispetto alla partita di andata. Coach Caja è uno dei migliori allenatori in Italia, è in grado di far crescere le proprie squadre nel corso del campionato, e può crearci diversi problemi. Ci sono tutte le premesse per un grande spettacolo tecnico ed emotivo: vogliamo uscirne da vincitori”.

“La chiave per vincere questa partita è la stessa della gara di andata, ovvero l’intensità che saremo in grado di mettere in campo - sottolinea capitan Francesco Amoni -. L’innesto di Caja ha aumentato l’aggressività dei giocatori di Firenze, mentre gli innesti di due giocatori come Rancic e Rabaglietti ha innalzato la pericolosità della squadra dall’arco dei tre punti. A livello tattico ci saranno numerose differenze rispetto alla gara di andata, ma il nostro canovaccio dovrà cambiare poco. Dovremo fare la differenza in difesa, a rimbalzo e sulle giocate di energia”. Arbitrano Marco Sivieri di Vigarano Mainarda (Ferrara), Andrea Agostino Chersicla di Oggiono (Lucca) e Christian Mottola di Taranto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LegaDue Silver, Ravenna ospita Firenze: dolci ricordi e una posta in palio molto alta

RavennaToday è in caricamento