rotate-mobile
Sport

Volley, tanti addii: la Bunge si rifà il look e sarà ancora più giovane

Krasimir Georgiev, centrale bulgaro nato a Krumovgradil il 13 febbraio del 1995, alto 203 centimetri, proviene dallo Cska Sofia, ma nonostante la giovane età ha già calcato i campi della Superlega nella stagione 2015-16, vestendo la maglia della Revive Milano

Nuovo corso per la Bunge Ravenna. Dopo le partenze di Torres, Lyneel, Grozdanov, Bossi e Van Garderen (e a breve sarà ufficiale quella di Ricci, destinato a Perugia), la dirigente del del Porto Robur Costa è al lavoro per costruire un roster quasi del tutto rinnovato e ancora più giovane, da affidare al confermato tecnico Fabio Soli per la prossima stagione di SuperLega. In questo contesto il direttore generale Marco Bonitta ha annunciato due nuovi arrivi: quelli del centrale bulgaro classe ’95 Krasimir  Georgiev e dell’opposto austriaco del ’96 Paul Buchegger.

“La nostra è una filosofia che parte dai giovani e dal territorio - spiega Bonitta - e, anche se ci vorrà un po’ di tempo, vogliamo che al più presto ci siano dei giocatori ravennati nel roster della prima squadra. Ravenna è l’ambiente ideale per far crescere i nuovi talenti, il luogo giusto per esprimere il proprio valore e compiere il salto di qualità. Il nostro obiettivo è quello di individuare i campioni del futuro, al punto che ci sono molti giocatori che vogliono venire da noi. Ripartiamo con un progetto nuovo, lungo tre anni, in quanto nel 2019 torneranno le retrocessioni in Superlega e noi dovremo essere pronti”.

Georgiev, centrale bulgaro nato a Krumovgradil il 13 febbraio del 1995, alto 203 centimetri, proviene dallo Cska Sofia, ma nonostante la giovane età ha già calcato i campi della Superlega nella stagione 2015-16, vestendo la maglia della Revive Milano. Buchegger, opposto austriaco nato a Linz il 4 marzo del 1996, alto 204 centimetri, nella sua breve carriera ha giocato nell’Holding Graz e nella Tv Ingersoll, in Germania, mentre nella scorsa annata faceva parte della rosa della Sieco Service Ortona, in Serie A2 (per lui 479 punti, di cui 39 in battuta e 27 a muro).  “Entrambi rappresentano la tipologia di giocatori che stiamo cercando: giovani e con grandi potenzialità da sviluppare. Tutti e due sono già nel giro delle rispettive nazionali - termina Bonitta - e di sicuro a Ravenna troveranno l’ambiente ideale per mostrare al meglio le loro grandi qualità”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volley, tanti addii: la Bunge si rifà il look e sarà ancora più giovane

RavennaToday è in caricamento