menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pallamano, il Pallamano Romagna torna in campo dopo un mese e lo fa vincendo

Sabato, Romagna di nuovo in campo nel recupero dell’8^ giornata, in casa del fanalino di coda Arcom Mestrino

Al PalaSanVito di Leguzzano, la Pallamano Romagna torna in campo dopo un mese di assenza dal campionato. E lo fa, vincendo.
Al termine di una sfida intensa e tutt’altro che scontata, gli arancioblu battono 26-23 il San Vito Marano e raggiungono la doppia cifra in classifica a quota 10, a parimerito del Torri. Indisponibili e nemmeno partiti per la trasferta, Martin Di Domenico, Giacomo Sami, Filippo Gollini ed Amir Boukhris: queste assenze limitano, non poco, le rotazioni a disposizione di coach Tassinari che registra, durante il match, qualche momento di difficoltà sia in attacco che in difesa. Al 60’ esultano i romagnoli che pescano i 2 punti in classifica e riprendono confidenza con il campionato, nel migliore dei modi. Da segnalare la prestazione di Samah Hajfrej tra i pali e della coppia formata da capitan Fabrizio Tassinari e Gregorio Mazzanti che infilano 13 reti complessive, ovvero il 50% del bottino finale. Sabato, Romagna di nuovo in campo nel recupero dell’8^ giornata, in casa del fanalino di coda Arcom Mestrino.

La cronaca

E’ Mazzanti a segnare le prime due reti degli ospiti nei primi minuti (2-2), ma dopo 6’ Balasso allunga per i locali sul 4-2. La difesa romagnola è piuttosto arrugginita nei primi 10’ e Redaelli non riesce a metterci una pezza: i locali ringraziano ma non ne approfittano, infatti, Mazzanti impatta sul 7-7. Nei 3’ successivi Cavedon e Fabris mettono le ali al San Vito (10-7), nel momento peggiore del Romagna. In questo frangente, Domenico Tassinari prova a cambiare Redaelli con Hajfrej in porta, per togliere qualche riferimento ai veneti e la mossa frutta il recupero sul 9-10 del 17’, grazie alla sesta rete personale di Mazzanti, prima del timeout locale. Alla ripresa dei giochi, Bandini realizza in contropiede (lanciato perfettamente da Hajfrej) il 10-10. Chiusi i ranghi nel reparto arretrato, qualche problema arriva nell’altro lato del campo, a causa di una difesa piuttosto ferrea dei veneti, che riescono a mantenere un minimo vantaggio nella fase centrale della frazione. Al 27’20” il rigore di capitan Fabrizio Tassinari accorcia il gap sul 13-14, mentre i locali sfruttano gli ultimi minuti per allungare sul 14-16 con cui si arriva all’intervallo.
Nella ripresa, il Romagna appare più determinato: Chiarini in sospensione realizza il 16-18 e l’immediato contropiede di Tassinari dimezza lo svantaggio al 3’45”. Sempre il capitano realizza un sottomano al 7’30” il 19-20. La sensazione è che l’inerzia si stia spostando a favore degli ospiti: ne è la conferma il primo vantaggio romagnolo giunto a metà frazione grazie a Mazzanti, il topscorer di serata, con una conclusione ad incrociare (22-21). Sul 23-22 al 17’ lo stesso Mazzanti prima intercetta palla in difesa, lanciandosi in un veloce contropiede coast to coast, per poi sciupare l’azione più spettacolare della serata, sparando sull’ottimo Matteo Gaglio, certamente tra i migliori dei suoi. Di certo, il più incisivo nel match per i gialloblu.
Per diversi minuti non si segna ed allo scoccare del 21’ arriva l’espulsione di Tommaso Albertini per somma di esclusioni di 2’. Al 21’45” la rete di Chiarini riporta a 2 le lunghezze di vantaggio per i romagnoli.
I minuti conclusivi sono “ricchi” di errori degli attaccanti di entrambe le formazioni. Ne paga le conseguenze, soprattutto, il San Vito che non riesce a pescare le reti per impattare gli avversari. Montanari a 5’ dalla sirena sigla, in tuffo da pivot, il 25-22 che è, probabilmente, la rete che segna il match. Gli ultimi giri di lancette premiano i due portieri Gaglio e Hajfrej, i veri protagonisti del frangente finale. L’ultimo acuto è di capitan Tassinari che si tuffa sulla ribattuta del portiere avversario per firmare il 26-23, al 28’15”
Romagna in festa in mezzo al campo per la vittoria conquistata nonostante le tante assenze ed il mese di assenza dal campionato.

Nell’altro recupero, il Malo prosegue la propria marcia da imbattuto, conquistando l’ottavo successo su 8 partite disputate. Superato 21-20 il forte Torri, privo di Gherardi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Domotica

Le cappe da cucina ideali per una casa smart

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento