menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piacenza tenta il colpaccio, ma l'OraSì si prende la vittoria

 "Siamo partiti aggressivi, poi abbiamo allentato la presa - ha affermato Laganà -. Loro si sono rifatti sotto con belle giocate e canestri, ma siamo stati bravi. L'importante era vincere e distanziarli in classifica".

Una sfida che sembrava aver preso una chiara direttrice, ma che alla fine è stata decisa agli ultimi secondi. L'OraSì Ravenna ha fatto suo il derby emiliano romagnolo contro l'Assigeco Piacenza 76-74. La squadra di coach Andrea Mazzon ha dominato il primo tempo, arrivando ad un massimo vantaggio di 17 punti e chiudendo i primi due quarti avanti 43 a 31. Poi gli emiliani hanno ricucito a 9 i punti da recuperare, addirittura mettendo il naso avanti con un +4 grazie alle giocate di Murry e Ogide. Per Ravenna si tratta della seconda vittoria di fila, mentre Piacenza ha pagato le fatiche della rimonta. I bizantini sono riusciti a mantenere la lucidità nel momento decisivo. Vanno in cassaforte così altri due punti molto preziosi e quanto mai importanti alla vigilia della difficilissima trasferta con Montegranaro.

"Siamo partiti aggressivi, poi abbiamo allentato la presa - ha affermato Laganà, autore di 14 punti-. Loro si sono rifatti sotto con belle giocate e canestri, ma siamo stati bravi. L'importante era vincere e distanziarli in classifica". "Sapevamo che sarebbe stats dura, perchè Piacenza è un'ottima squadra che tira bene e corre tanto - commenta coach Mazzon -. Ma noi abbiamo tante qualità morali. È una vittoria importante anche in chiave salvezza. Stiamo lavorando bene, abbiamo preso tanti liberi e tirato con i piedi per terra. Sono contento". Ravenna sale a quota 16 in classifica.

LA CRONACA - Equilibrio massimo in apertura anche se sulla sponda Assigeco segna solo Murry, tutti suoi i punti sull’8-7 al 5’. Risponde da par suo Adam Smith, già a quota 13 sul 21-15 dopo 7’. Assist di Montano per Cardillo e l’OraSì scappa sul 26-15 all’ultimo minuto del quarto, rifinendo con un gioco da tre di Gandini. Secondo quarto con falli a ripetizione fischiati a Ravenna, ne approfitta l’Assigeco per prendere coraggio ed avvicinarsi nel punteggio (31-24) dimezzando il gap anche con tanti errori dalla lunetta. Cinque punti di Laganà rilanciano l’OraSì (38-28) mentre Hairston domina a rimbalzo, finale di tempo con errori da ambo le parti, si va negli spogliatoi sul 43-31.  Terzo quarto per metà senza scosse, poi l’Assigeco comincia a cercare soluzioni nell’area piccola e le trova, accorciando le distanze (54-45 al 28’). Tripla di Murry per il meno sei, fallo su Smith e tecnico a Ceccarelli, libero e poi Gandini per il 57-48. Ultimo quarto ancora lottato e nervoso, Ihedioha da sotto porta a ridosso l’Assigeco (61-56),  tripla di Murry e 61-59, gioco da tre di Laganà per rifiatare al 4’, risponde Ogide e pareggia Formenti a quota 64. Cardillo prima sbaglia e poi segna il 66-64,  tripla di Formenti per il primo vantaggio emiliano e a rimbalzo Ogide trova un gioco da tre per il 66-70  al 37’. A 38” dalla fine i liberi di Smith valgono il pareggio sul 72-72, quello di Murry sul ribaltamento il 72-73, poi in lunetta va Laganà 74-73, sbaglia Piacenza ed è fallo obbligato su Laganà a sei secondi (76-73), altrettanto su Formenti a 3”, segna il primo e sbaglia il secondo ma non riesce la preghiera finale e i 2400 del Pala De Andrè esultano, proprio come sette giorni fa. 

Il Tabellino

OraSì Basket Ravenna: Tartamella ne, Hairston 8, Smith 28, Montano, Jurkatamm 2, Cardillo 11, Masciadri 8, Rubbini, Seck ne, Gandini 5, Baldassi ne, Laganà 14

Assigeco Piacenza: Diouf ne, Ogide 16, Formenti 12, Antelli 2, Graziani, Piccoli 2, Ihedioha 10, Turini ne, Murry 27, Sabatini 5, Vangelov

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Salute

Cos'è e come si misura l'Indice di Massa Corporea?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento