Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Sport

Ravenna a Poggibonsi, contro il fanalino di coda tre punti da non fallire

Mister Antonioli queste cose le conosce bene e in settimana ha catechizzato la squadra, che deve vincere per tenere il ritmo di chi le sta davanti e per arrivare nelle migliori condizioni possibili allo scontro diretto col Lentigione di domenica prossima

La prima volta nella storia del Ravenna a Poggibonsi è una partita (si gioca domenica alle ore 14.30) che, numeri alla mano, ha un pronostico ben chiaro. Tra i giallorossi di Romagna e quelli di Toscana ci sono, infatti, ben 31 punti di differenza, con i bizantini (tre sconfitte in tutto, una delle quali nelle ultime 17 partite) quarti in classifica e in piena corsa playoff ma con sogni ancora vivi di raggiungere la vetta, e i toscani, inchiodati ad un ultimo posto che sa di condanna e con una serie aperta di 13 sconfitte consecutive. Però, guai a pensare che sarà una partita facile o dall’esito scontato. Perché il Ravenna deve comunque fare i conti con un numero record di assenze (gli squalificati Rrapaj, Selleri e Venturi, gli infortunati Graziani, Guagneli e Mingozzi), e con un paio di dubbi sulle condizioni fisiche di Forte, che decise il match d’andata con una doppietta, e Innocenti, e perché il Poggibonsi sta andando incontro al suo destino con grande dignità e onore, non ha ancora mollato e sta portando in campo l’entusiasmo e la voglia di mettersi in mostra dei suoi tanti giovani che innervano adesso l’organico.

Mister Antonioli queste cose le conosce bene e in settimana ha catechizzato la squadra, che deve vincere per tenere il ritmo di chi le sta davanti e per arrivare nelle migliori condizioni possibili allo scontro diretto col Lentigione di domenica prossima. “E’ una partita difficile, che per noi nasconde solo delle insidie, perché tutti si aspettano la nostra vittoria. In realtà la storia di questo torneo insegna che ogni partita va affrontata nel modo e col piglio giusto perché nessuno ti regala nulla: loro giocheranno con la mente sgombra e con la voglia di mettersi in evidenza e noi dobbiamo fare i conti con tante assenze, anche se chi è stato chiamato a sostituire gli assenti finora si è sempre ben comportato. Poi ci dicono che troveremo un terreno di gioco brutto, che non agevolerà le giocate. E allora ho detto ai ragazzi di fare attenzione e di avere l’approccio giusto, evitando qualunque forma di rilassamento o sottovalutazione dell’avversario. E’ una partita che non possiamo fallire e che dobbiamo vincere per arrivare nelle migliori condizioni di classifica e di morale ai due scontri diretti con Lentigione e a Imola che ci attendono subito dopo”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ravenna a Poggibonsi, contro il fanalino di coda tre punti da non fallire

RavennaToday è in caricamento